Salta ai contenuti

Urban 2

Urban 2 in Europa

Città di Torino

Urban 2 Torino   urban 2 > urban 2 in europa

Casa del Quotidiano

L’iniziativa Urban è stata avviata nel 1994, dopo una prima serie positiva di progetti pilota urbani. Urban I (1994-1999) si prefiggeva di affrontare il degrado urbano in 118 città europee e ha dato luogo ad un’attiva partecipazione locale e a molti progetti i cui risultati sono stati valutati positivamente. Sull’onda di questo successo l’Unione Europea ha deciso di continuare l’esperienza con Urban 2 per il periodo 2000-2006, con finanziamenti pari a 728,3 milioni di euro. Il FESR, il Fondo strutturale che finanzia questa iniziativa, può concedere aiuti finanziari fino al 40 % del costo totale di un programma. La Commissione ha stabilito una ripartizione finanziaria indicativa per ciascuno Stato membro (in milioni di euro: Belgio 20,8, Danimarca 5,2, Germania 145,7, Grecia 25, Spagna 110,3, Francia 99,9, Irlanda 5,2, Italia 112,4, Olanda 29,1, Austria 8,3, Portogallo 18,7, Finlandia 5,2, Svezia 5,2, Gran Bretagna 121,7) in funzione degli indici demografici relativi alle zone urbane e dei tassi di disoccupazione globale e di lunga durata nelle stesse zone.

Nel quadro di Urban 2, gli Stati membri hanno proposto alla Commissione 70 città e quartieri da riqualificare, che fanno parte di grandi agglomerati urbani e che hanno una popolazione minima di 20.000 persone, anche se in casi debitamente giustificati tale soglia può scendere fino a 10.000.
I siti Urban 2 sono stati selezionati in base a indicatori socioeconomici oggettivi (situazione economica e sociale, disoccupazione, scarsa attività economica, povertà ed emarginazione, elevata presenza di immigrati e minoranze etniche, basso livello d’istruzione, elevata criminalità, andamento demografico instabile, precaria situazione ambientale) e secondo altri fattori come la qualità del programma proposto, l’equilibrio nella distribuzione dei programmi all’interno dello Stato membro e la coerenza con le azioni nazionali e dell’Unione Europea.
Dei 70 programmi, 31 riguardano quartieri del centro città, 27 zone periferiche, 4 zone miste e 8 intere città. Ciascun Stato membro ha selezionato i propri siti e ha provveduto alla ripartizione degli stanziamenti tra di essi. La selezione è stata attuata da ciascuno Stato membro con un concorso/invito a presentare proposte (Italia Francia e Grecia) o tramite un’analisi statistica fondata sugli indicatori stabiliti dagli orientamenti dell’Unione Europea (Paesi Bassi, Danimarca, e Portogallo).
In Italia i Progetti Urban 2 finanziati sono 10 e sono stati attivati nelle seguenti città: Carrara, Caserta, Crotone, Genova, Milano, Misterbianco, Mola di Bari, Pescara, Taranto e Torino.

urban2 in Europa

urban2 in Italia   homepage di urban 2 stampa la pagina