Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > SETTEMBRE

Comunicato stampa

TORINO CITTA’ CARDIOPROTETTA, VENERDI’ LA CONFERENZA STAMPA A PALAZZO CIVICO

Il progetto Torino città cardioprotetta sarà presentato alla stampa, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Civico, venerdì 29 settembre alle ore 11.30.
L’iniziativa, presentata in occasione della Giornata Mondiale del Cuore, porterà gradualmente, sul territorio delle otto Circoscrizioni comunali, una rete di defibrillatori semiautomatici esterni (DAE) a disposizione della cittadinanza. Torino città cardioprotetta nasce su impulso di Live Onlus, associazione no profit che raccoglie fondi per progetti sociali attraverso aste di oggetti appartenuti a sportivi professionisti. Nel progetto, oltre alla Città di Torino, sono coinvolti anche partner come ANPAS, BasicNet, Granata Store, Gruppo Torinese Trasporti e Progetti Medical.
Nel corso della conferenza stampa interverranno, oltre al vicepresidente vicario del Consiglio comunale Enzo Lavolta: l’assessore allo Sport della Città di Torino Roberto Finardi, il presidente della Conferenza dei presidenti di Circoscrizione Marco Novello, il presidente di Live Onlus Andrea Zalamena, il cardiologo Paolo Angelino, il consigliere comunale Marco Chessa e il responsabile regionale per la formazione ANPAS Gianni Mancuso.
In chiusura dell’iniziativa avrà luogo, a cura dell’ANPAS, una dimostrazione del facile utilizzo dei defibrillatori scelti per “Torino città cardioprotetta”.


Pubblicato il 27 Settembre 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità