Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > SETTEMBRE

Comunicato stampa

INAUGURATO UN GIARDINO IN MEMORIA DI GIORGIO AMENDOLA

L’Amministrazione comunale ha intitolato in via Tollegno un giardino alla memoria del politico Giorgio Amendola (1907-1980), sul territorio della Circoscrizione 6 nello spazio verde compreso tra le vie P. Ferrari, Bologna e Benaco.

Per ricordare la figura e l’impegno di Amendola, poco prima dello scoprimento della targa si è tenuta una cerimonia negli spazi della Fondazione omonima prospicente il giardino.
Enzo Lavolta, vice presidente vicario del Consiglio Comunale, Prospero Cerabona, presidente della Fondazione Giorgio Amendola, Massimo Salvadori, storico e professore emerito dell’Università di Torino, Enrico Morando, vice ministro dell’Economia, e Carlotta Salerno, presidente della Circoscrizione 6, hanno ripercorso l’esperienza di uno dei massimi dirigenti del Partito Comunista Italiano (PCI).
Lavolta ha ricordato la decisione della Città di Torino: “E’ un’intitolazione fortemente voluta dal Comune, che nel precedente mandato amministrativo ha inteso ricordare la figura a distanza di 110 anni dalla nascita.
“Amendola è stato un fiero antifascista, nel solco dell’esempio paterno, e un appassionato militante del partito, senza perdere la visione dell’interesse generale del Paese, cui era strettamente connessa la sua concezione del riformismo della sinistra, il cui compito storico egli vedeva nell’avviare a soluzione i problemi irrisolti dello sviluppo economico e del progresso sociale e civile dell’Italia unita”.
“Negli ultimi anni della sua vita – ha aggiunto Lavolta - sostenne l’esigenza oggettiva dell’unità delle forze della sinistra, l’unità tra comunisti, socialisti e socialdemocratici, oltre le antiche contrapposizioni e le rispettive collocazioni”.
Nel corso del pomeriggio, sempre nella sede della Fondazione, si è svolta la premiazione dei migliori racconti scritti dagli studenti del liceo scientifico Einstein.
Nota biografica di Giorgio Amendola:
Romano classe 1907, Giorgio Amendola è ricordato a partire dalla Resistenza come uno dei principali leader del Partito Comunista (durante il regime nazifascista venne condannato al confino) del quale, nell’immediato dopoguerra, divenne uno dei massimi esponenti rimanendone membro del direttivo a vita.
Sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo Parri e nel primo governo De Gasperi fino al 1946, fu nominato membro della Consulta e venne eletto nell’Assemblea costituente e poi deputato in tutte le successive legislature fino al 1969, quando entrò nel Parlamento europeo.
Negli anni Settanta, Amendola venne eletto di nuovo deputato, sino alla scomparsa avvenuta a Roma nel 1980.
Negli ultimi anni della sua vita scrisse opere di carattere autobiografico e sulla ricostruzione della storia del partito Comunista.
(R.T.) - Ufficio stampa del Consiglio comunale


Pubblicato il 22 Settembre 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità