Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > AGOSTO

Comunicato stampa

TORINO LABORATORIO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO DI MOBILITA’ COME SERVIZIO

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà un servizio MAAS (acronimo di Mobility as a service).

La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove, progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che possa operare indistintamente nelle varie città europee attraverso la connessione roaming.

MaaS è un nuovo modello di trasporto che si basa sull’ integrazione di tutti i servizi di trasporto (l'unione di trasporto pubblico, taxi, car-sharing, bike-sharing, scooter-sharing e noleggio a lungo termine) in un unico servizio in abbonamento o in una formula a consumo fruibile tramite app.

L'obiettivo è gestire gli spostamenti nel modo più intelligente ed economico possibile: pertanto ai viaggiatori è offerta una combinazione di servizi diversi fra loro, ma perfettamente integrati che possono essere abbinati in maniera personalizzata e attraverso una sola operazione.

Col la diffusione di questo nuovo modello diverrà sempre meno conveniente possedere un’auto perché con una spesa minore sarà possibile garantirsi tutti gli spostamenti necessari alla vita sociale e familiare.

Nell’applicazione, oltre ai pacchetti di mobilità, potranno essere inclusi altri servizi come la possibilità di abbonarsi a musei, cinema, teatri o servizi di acquisto online.
“Vedo come laboratori ideali per questo progetto quelle aree della città dove il possesso di un’auto si scontra con la carenza di parcheggi – commenta l’assessore alla Viabilità Maria Lapietra - . È proprio per questo che il mio primo pensiero va al Borgo Vecchio del quartiere Campidoglio: qui verrà potenziato lo sharing, verranno introdotti innovativi servizi di mobilità, come le mini car elettriche.
Inoltre - prosegue l'assessora - se attraverso le misure del “Collegato Ambientale” ci verranno assegnati i fondi che abbiamo chiesto potremo avere a disposizione le risorse per incentivare chi deciderà di rottamare la propria vecchia auto consentendogli di acquistare servizi di abbonamento MaaS. Tutto ciò per garantire ai cittadini una più sostenibile alternativa all’utilizzo del mezzo privato.”
A realizzare la piattaforma tecnologica del servizio MaaS sarà URBI, una startup di proprietà di TELEPASS, mentre l’integrazione con il servizio di trasporto pubblico e il BIP verrà curata dalla società in house 5T.


Pubblicato il 1 Agosto 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità