Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > GENNAIO

Comunicato stampa

BOTTI E FUOCHI D’ARTIFICIO, PIÙ FORMAZIONE E INFORMAZIONE TUTTO L’ANNO PER PREVENIRE INCIDENTI E TUTELARE BENESSERE ANIMALI

Approvato oggi dal Consiglio Comune di Torino all’unanimità (23 voti favorevoli su 23 consiglieri presenti) una mozione (prima firmataria: Chiara Giacosa - M5S) per prevenire incidenti ed emissioni nocive dovute all’utilizzo di petardi, botti e fuochi d’artificio ed evitare danni a persone, animali, beni e ambiente.

In particolare, la mozione impegna Sindaca e Giunta ad avviare fin dai primi giorni dell’anno un progetto di informazione e sensibilizzazione nelle scuole che preveda l'intervento di personale specializzato in materia (pedagoghi,veterinari, agenti di Polizia, Vigili del Fuoco).
Si chiede altresì una formazione specifica e continua per gli agenti di Polizia Urbana, affinché siano maggiormente sensibilizzati ai rischi e ai conseguenti danni, sia di tipo fisico sia sulla qualità dell’aria, e di avviare, in collaborazione con il Corpo dei Vigili del Fuoco e gli operatori specializzati, la predisposizione di materiale divulgativo di informazione e sensibilizzazione da distribuire, anche tramite Circoscrizioni, enti, associazioni e istituti scolastici.
Infine, il documento chiede di istituire un canale di comunicazione dedicato, basato anche su una APP, per la segnalazione di rivendite abusive di fuochi pirotecnici, l’individuazione di fuochi inesplosi e l’eventuale utilizzo di fuochi in presenza di divieti specifici.
Prima della votazione del provvedimento, si è svolto in aula un dibattito, a cui hanno partecipato diversi consiglieri comunali.
La prima firmataria del documento Chiara Giacosa (M5S) ha ricordato che la Città ha ben due regolamenti che affrontano il tema del benessere degli animali, ma che in nessuno di essi si parla di informazione e sensibilizzazione, e che in passato si faceva comunicazione soltanto in occasione del Capodanno. Ha quindi ringraziato la Giunta per la nuova campagna informativa, che ha avuto un gran successo.
Il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca (Lega Nord) si è dichiarato favorevole alla formazione e all’informazione, ma “perché non vietare la vendita dei botti a Torino?”.
Critico sul provvedimento il consigliere Stefano Lo Russo (PD): “Non credo sia una delle problematiche principali della città l’inquinamento atmosferico causato dai petardi a Capodanno e in occasione di altri momenti di festa”.
Cataldo Curatella (M5S) ha sottolineato l’importanza dell’atto per quanto riguarda la sicurezza e la prevenzione di incidenti.
Ironico il capogruppo Alberto Morano (Lista Civica Morano): “Il problema della sicurezza per i 5 stelle si riduce ai petardi? Non sprechiamo tempo e soldi per discutere del nulla e occupiamoci del Moi e della sicurezza urbana”.
Il consigliere Federico Mensio (M5S) ha ribadito la sensibilità del Movimento 5 Stelle sulla sicurezza, in questo caso in particolare per bambini e animali.
La capogruppo Eleonora Artesio (Torino in Comune), pur condividendo preoccupazioni e intenzioni del documento, ha spiegato che sarebbe stato meglio operare attraverso i regolamenti e l’ordinaria attività degli uffici e non con una mozione.
Silvio Magliano (Moderati) ha chiesto se poi ci saranno risorse per attuare il provvedimento e se c’è la disponibilità della Giunta.
Per Osvaldo Napoli (Forza Italia) bisogna “volare più alto”: le problematiche e le discussioni da affrontare sono ben altre.
(M.Q.) - Ufficio stampa Consiglio Comunale


Pubblicato il 30 Gennaio 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità