Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > GIUGNO

Comunicato stampa

ENTRO SETTEMBRE LA VALUTAZIONE DELLA DISMISSIONE DELLE QUOTE DELLA CITTA’ DAL CAAT

Questo pomeriggio, in Consiglio Comunale, l’assessore al Commercio, Alberto Sacco, ha risposto ad una richiesta di comunicazioni da parte della consigliera Maria Grazia Grippo, in merito alla notizia secondo la quale 75 grossisti su 82 del mercato agroalimentare di Torino, facenti capo all’associazione Apgo, avrebbero annunciato la volontà di abbandonare il Caat.
L’assessore, ricordando i numerosi incontri con grossisti, con il presidente del Caat, con i sindacati, con l’ispettorato del lavoro, ha evidenziato come in una comunicazione inviata alla Città, il presidente del Caat, Giuliano Manolino affermi come non ci siano indizi di abbandono da parte dei grossisti e come, invece, si continui a registrare una domanda di spazi da parte degli stessi grossisti del centro.
Nella sua comunicazione, il presidente del Caat ha aggiunto come Apgo non abbia mai voluto fornire il numero degli associati e quindi come non sia riscontrabile che Apgo rappresenti 75 grossisti su 82.
Entro il 30 settembre, ha concluso Sacco, sarà valutata la presenza della partecipazione della Città all’interno della società Caat.
Maria Grazia Grippo (Partito Democratico): I grossisti rappresentati da Apgo hanno manifestato le loro intenzioni attraverso una lettera inviata alla Regione. In questa sede, mi interessava parlare con l’Amministrazione e non con Manolino. Si tratta per l’Amministrazione, di assumersi responsabilità, essendo il Comune ad oggi ancora socio di maggioranza, perché sia sanato l’effetto di un dialogo compromesso tra la dirigenza di Caat e i grossisti che vi lavorano. Questo non sta avvenendo, mi chiedo perché una realtà del genere stia vivendo un momento di così gravi tensioni. I grossisti affermano che sia mancato il dialogo da parte del Comune e come ci sia una totale assenza di indirizzi. Di questo bisognerebbe poter discutere in commissione, che il Caat non diventi una scatola vuota.
Andrea Russi (Mov5 Stelle): Riconosciamo il grosso lavoro del Caat per arrivare al pareggio di bilancio, ma alla luce dei fatti accaduti da ottobre ad oggi, non possiamo considerarlo come l’unico indicatore della salute di un ente. Ci auguriamo che tutte le parte in causa facciano una riflessione perché si possa giungere all’epilogo di una situazione insostenibile. Se la soluzione migliore sarà la valutazione di una dismissione delle quote di partecipazione non potremo che sostenere la scelta dell’Amministrazione.
F.D'A. - Ufficio stampa Consiglio Comunale


Pubblicato il 5 Giugno 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità