Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > MAGGIO

Comunicato stampa

APPROVATO NELLA NOTTE IL BILANCIO DI PREVISIONE 2017

Con i 24 voti del Movimento 5 Stelle, ai quali si è aggiunto quello della sindaca Chiara Appendino, il Consiglio comunale ha approvato il Bilancio di previsione 2017 all’una e mezza di questa mattina. Le opposizioni, critiche verso il provvedimento, non hanno partecipato al voto. L’approvazione del Bilancio è stata preceduta dalle dichiarazioni di voto di alcuni capigruppo, di seguito riportate in sintesi.

Stefano Lo Russo (Partito Democratico) ha parlato di un bilancio che non sta in piedi né nella sostanza né formalmente con l’iscrizione di somme e di accertamenti falsi, come già questa Giunta fece, ha aggiunto, per il bilancio 2016. Tra le criticità elencate i debiti verso Infra.To, non iscritti, entrate previste ma non accertate, come i 2.2 MIO relativi all’area ex Westinghouse, con imposte ai massimi storici, con riduzioni di fasce Isee e tagli delle agevolazioni che colpiscono i più bisognosi. Lo Russo ha concluso annunciando la non partecipazione al voto del suo gruppo e invitando la Sindaca a cambiare politica a chiedere aiuto al governo nazionale ed a cambiare atteggiamento nei confronti delle minoranze, condizione per trovare anche collaborazione da parte del Pd.
Fabrizio Ricca (Lega Nord) ha dichiarato che prevedere una possibile situazione di pre-dissesto, (nell’illustrazione del Bilancio preventivo) significa giocare d’azzardo con la città. Ha affermato che attenderà di vedere come saranno trasformati questi numeri in cose concrete nel corso dell’anno e si vedrà chi avrà ragione. Resta il fatto – ha concluso Ricca - che intorno a questo Bilancio non c’è stato confronto e spera di poter arrivare al Bilancio di Rendiconto.
Francesco Tresso (Lista Civica per Torino), ha annunciato la non partecipazione al voto evidenziando la mancanza di garanzie sulle riserve e prescrizioni formulate dai Revisori dei conti ed esprimendo dubbi sulla possibilità di mantenere il pareggio di bilancio senza ulteriore indebitamento. Tresso ha inoltre ribadito le critiche sull’uso degli oneri di urbanizzazione per il finanziamento della spesa corrente e la dubbia esigibilità di parte delle entrate messe a bilancio, lamentando la mancanza di garanzie sul futuro assestamento di bilancio, i cui oneri, ha pronosticato, ricadranno sui cittadini.
Silvio Magliano (Moderati) ha parlato di un bilancio con cui si vogliono affrontare spese con entrate non certe ed in cui non si è andati incontro alle famiglie in difficoltà. Magliano ha denunciato la mancanza di agevolazioni sulla Tari, anche per le associazioni no profit, e il taglio di contributi del 25% alle scuole parificate. Dichiarando di non partecipare al voto Magliano ha auspicato che quel che non va oggi nel bilancio trovi soluzione nel corso dell’anno per dare risposte a una città fatta di persone che non hanno solo bisogno di una casa e un lavoro ma di un senso e su questo, cioè sul senso di ciò che fa l’amministrazione bisogna interrogarsi e trovare modo di collaborare. Magliano ha concluso augurandosi che un po’ di onestà e di realismo politico possa emergere nei prossimi mesi.
Alberto Unia (Movimento 5 Stelle) ha esordito ribadendo che se ci sono stati dei tagli è perché le casse erano vuote. Sono state fatte delle scelte – ha proseguito Unia – e ne assumiamo le responsabilità. Ha poi concluso affermando che tutti i consiglieri sono troppo autoreferenziali mentre si dovrebbe lavorare insieme per risolver ei problemi della città. Ha poi auspicato che si possano condividere percorsi comuni per il bene della città, evitando inutili scontri.

Con la delibera è stata approvata una mozione di accompagnamento del Movimento 5 stelle che impegna la Sindaca e la Giunta a ristabilire non appena siano individuate nuove risorse fondi e facilitazioni tariffarie in materie assistenziali, sportive, di recupero di nuove risorse, trasporti e agevolazioni tariffarie, cultura e altre missioni dell’amministrazione
Il Consiglio comunale ha infine approvato altre due delibere: Bilancio preventivo finanziario e Documento unico di programmazione 2017-2019 per ITER (Istituzione torinese per l’Educazione Responsabile) e la delibera che riguarda costi, proventi, tariffe e contribuzioni per i servizi pubblici a domanda individuale (case di riposo, asili nido, impianti sportivi, mense, musei, spettacoli).
La seduta del Consiglio comunale prevista per la giornata odierna, giovedì 4 maggio, è stata sconvocata.
(cr-sl-tdn)- Ufficio stampa del Consiglio comunale


Pubblicato il 4 Maggio 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità