Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > MARZO

Comunicato stampa

SOFTWARE LIBERO, L’INDIRIZZO DELLA SALA ROSSA

Il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità una mozione sul tema dell’adozione del software libero e dei sistemi informatici sicuri (primo firmatario, Federico Mensio del M5S).

Mensio ha illustrato l’atto di indirizzo, dicendo: “Quando parliamo di software libero non intendiamo qualcosa di gratuito ma qualcosa che sia libero di essere riusato, migliorato, ridistribuito a piacimento.
Il software libero risponde all’interesse pubblico sotto molti aspetti: apporta benefici in termini economici; rende indipendente il software dall’hardware; mutualizza i costi con altre pubbliche amministrazioni; è uno strumento utile a favorire la partecipazione e la crescita socio culturale dei cittadini.
E coinvolge un ulteriore aspetto fondamentale, la proprietà dei sistemi e dei dati e la sicurezza. Per dirla con Stallman: “La P.A. non fa operazioni informatiche per il proprio piacere, lo fa per le persone e quindi ha il dovere morale di mantenere il controllo sull’informatica, in modo che non vada a finire in mano a terze parti”.
L’attività digitale del nostro Comune deve essere innanzitutto trasparente, controllabile e sicura per servire i cittadini e proteggerli.
Un auspicio, infine: Torino può diventare il polo dello sviluppo del software e dei sistemi liberi e aperti, il motore di una nuova rivoluzione digitale”.
L’assessore ai Sistemi informativi, Paola Pisano, si è detta favorevole all’iniziativa della Sala Rossa definendolo un atto di indirizzo molto rilevante e un tema, quello del software libero, sul quale la Giunta sta continuando a lavorare.
Anche la consigliera di opposizione Chiara Foglietta (Pd) si è detta favorevole all’iniziativa, ringraziando i proponenti per lo spunto e il lavoro svolto in Commissione.
L’atto approvato dalla sala Rossa invita il Sindaco e la Giunta a proseguire nella via intrapresa, come si evince dai principali contenuti dell’impegnativa:
- preferire il software libero nella scelta delle soluzioni da acquisire per i servizi, i sistemi informativi e gli strumenti digitali del Comune, valutandone i miglioramenti effettivi per la struttura in termini tecnico-economici;
- preferire soluzioni tecnologiche che permettano di mantenere il controllo su tutto il sistema, in termini di hardware, software e dati, evitando il più possibile di adottare soluzioni, anche in cloud, che non permettano di avere un controllo certo sulle stesse risorse;
- a licenziare il software eventualmente realizzato secondo specifiche del Comune secondo i termini di licenze di software libero, con il relativo codice sorgente, completo della documentazione e rilasciato in repertorio pubblico, secondo le pratiche comunemente adottate dalle comunità di sviluppatori di software libero;
- promuovere e istituire un tavolo permanente di confronto e collaborazione tra l’amministrazione della Città e tutte le realtà cittadine e quelle nazionali e internazionali, in particolare Associazioni, Comitati, Organizzazioni non governative, che abbiano competenza sul tema del software libero, sulla sicurezza dei dati, sulla privacy e sugli strumenti digitali. Il tavolo potrà in futuro divenire una consulta permanente del Consiglio comunale sui temi dei beni comuni digitali, alla stregua di quelle già istituite ad oggi.
R.T. - Ufficio stampa Consiglio comunale


Pubblicato il 3 Aprile 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità