Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Ufficio Stampa

Orientarsi nella pagina



Città di Torino > Ufficio Stampa > Comunicati stampa 2017 > FEBBRAIO

Comunicato stampa

COOPERAZIONE DECENTRATA IN MYANMAR. MISSIONE A YANGON

Rinforzare i contatti istituzionali con Yangon e contribuire a rafforzare le capacità delle autorità municipali nel pianificare e implementare politiche locali di mobilità urbana più sostenibili e partecipate, è stato l’obiettivo di una visita istituzionale in Myanmar. La missione, della durata di sei giorni - finanziata nel quadro del progetto europeo Sustainable Urban Mobiliy Planning e nell’ambito delle attività di cooperazione della Città - era guidata dal vicesindaco Guido Montanari e da Cristina Pronello, presidente dell’Agenzia della Mobilità piemontese. Vi hanno preso parte anche Andrea Ajmar di Ithaca- Politecnico, partner del progetto, insieme all’ong Cesvi.
La missione ha avuto l’obiettivo di ridefinire i termini del progetto europeo avviato nel 2015 e rimodulato nell’autunno del 2016, offrendo collaborazioni in termini di governance finanziaria, organizzativa e tecnologica. Nel corso del soggiorno in estremo Oriente sono stati inoltre numerosi gli incontri avuti con le autorità diplomatiche (l’ambasciatore d’Italia Giorgio Aliberti e l’ambasciatore europeo Roland Kobia) e istituzionali (il neo-sindaco di Yangon, Maung Maung Soe, il primo ministro del Governo regionale di Yangon, Phyo Min Thein, la ministra regionale ai Trasporti, Nilar Kyaw); incontri durante i quali è stata riaffermata la volontà dell’Amministrazione comunale di Torino di continuare le attività promosse a Yangon a supporto del tessuto sociale, culturale, accademico e imprenditoriale.
Il vicesindaco Montanari, ha anche incontrato Filip Lauwersyen, direttore dell’European chambre of Commerce in Myanmar, Camera di commercio che ha l’obiettivo di aumentare la presenza delle società europee in Myanmar e facilitare l’accesso al mercato, in particolare delle piccole e medio imprese.
“Con la visita a Yangon proseguiamo alcune attività di cooperazione – sottolinea il vicesindaco - attraverso l’ accompagnamento al processo di autodeterminazione del popolo birmano e al loro percorso di democratizzazione istituzionale e di pacificazione socio-culturale, con il supporto concreto alle politiche locali e a una loro pianificazione sostenibile”. Si è trattato di un’occasione per promuovere collaborazioni tra attori profit (come quelli afferenti alle Camere di Commercio e i grandi imprenditori) e non-profit (come gli atenei e gli istituti di cultura). Saldi sono infatti i rapporti che legano la nostra città alla Birmania. Di Torino è cittadina onoraria Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel 1991 e diversi sono gli accordi già sottoscritti. Il 19 maggio del 2015 è stato infatti firmato un memorandum di intesa che ha formalizzato attività di cooperazione tra Torino e la capitale Yangon con scambi commerciali e nei servizi, nel turismo, nei servizi sociali, nel campo dell’igiene ambientale. Nel dicembre di due anni fa, a Bagan, era stato inoltre firmato un accordo fra il Lacquerware Technology College e l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. Le rispettive Camere di Commercio, di Torino e Yangon, sono legate da accordi bilaterali ed è possibile lo sviluppo di opportunità per imprenditori nel campo dell’abbigliamento e in quello alimentare, del settore aerospaziale e per aziende produttrici di attrezzature meccaniche.


Pubblicato il 15 Febbraio 2017

Stampa questa pagina

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Anno 2017

Archivio degli anni precedenti

Cerca tra i comunicati

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità