Città di Torino

Torinoplus - Pasticceria

Home > Gusto > La Pasticceria Torinese

La Pasticceria Torinese

Già dai tempi di Plinio, a Torino e dintorni si producevano dolci alla ricotta e un particolare torrone con i pinoli, ma è sotto il Regno dei Savoia che la piccola pasticceria artigianale torinese conobbe il suo massimo splendore ( video ).

Nella capitale sabauda dal ‘700 fino a primi decenni del ‘900, era impensabile sorseggiare una cioccolata calda senza accompagnarla con i classici “bagnati”, piccole delizie fatte apposta per essere intinte. Queste dolci prelibatezze dette anche “paste”, facevano sognare il popolo, deliziavano i palati esigenti dei nobili e incantavano i poeti, intellettuali e potenti di tutta Europa.

A Torino nel 1739 nacque addirittura un’accademia denominata Università e Corporazione dei Confettieri e Acquaviti che prevedeva 5 anni di apprendistato e una tesi finale, con relativa preparazione di un dolce.

L’eredità di gusto che è giunta fino a noi è straordinaria: gli Amaretti , gli Anisini , i Baci di Dama , le Bignole , i Brut e Bon , i Biscotti della Duchessa , i Canestrelli , i Cri Cri , gli Eporediesi al cacao , i Marron Glacés , le Meringhe , i Nocciolini , i Savoiardi , i Torcetti , gli Umbertini , gli Zest sono solo alcune delle infinite dolci seduzioni che si possono assaporare nelle piccole pasticcerie artigianali di Torino che rappresentano il miglior modo per cogliere appieno l’anima profonda e discreta della nostra Città.

 

I video

I Pasticcini del Re

Nella sezione

Skip Navigation

Sezioni del sito

Skip Navigation