Città di Torino - Servizio Telematico Pubblico

Tasse e tributi


Città di Torino > Tasse e tributi > Imposta Unica Comunale > TARI - Tassa sui rifiuti > Rifiuti speciali non assimilati agli urbani

Imposta Unica Comunale

Imposta Unica Comunale

ISEE - Riduzione del Tributo per le famiglie in condizioni economiche disagiate Scadenze TARI Presupposto e commisurazione del tributo Modalità calcolo Decorrenza del tributo Dichiarazione iniziale, di rettifica, di cessazione Modalità di presentazione delle dichiarazioni Determinazione della superficie tassabile Pagamento del tributo Riduzioni e agevolazioni Agevolazioni anti spreco Esclusioni ed esoneri Rifiuti speciali non assimilati agli urbani Tariffe TARI 2017 Elenco CAF convenzionati anno 2017 Regolamento TARI 2014

Rifiuti speciali non assimilati agli urbani

Le superfici o le aree ove di regola si formano rifiuti speciali non assimilati agli urbani, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, non sono soggette al tributo a condizione che il produttore ne dimostri l'avvenuto trattamento e smaltimento in conformità alla normativa vigente.

Si intende per luogo di produzione di rifiuti speciali esclusivamente l'area o le aree le cui superfici sono strutturate e destinate alla formazione in via continuativa e prevalente dei rifiuti speciali non assimilati (a titolo esemplificativo ma non esaustivo si intende ad esempio, aree di produzione industriale, specifici reparti di strutture sanitarie, superfici sulle quali insistono le macchine o le attrezzature utilizzate per la produzione industriale o artigianale). Sono altresì esclusi dalla tassazione i magazzini di materie prime e di merci funzionalmente ed esclusivamente collegati all'esercizio dell'attività produttiva di dette attività produttive, ai quali si estende il divieto di assimilazione.

Restano invece incluse nella tassazione, quelle aree nelle quali si ha una occasionale ed accidentale dispersione di parte di detti rifiuti (ad esempio: aree di movimentazione dei materiali, eccetera).

Per le categorie di attività sotto indicate la determinazione dell'area non soggetta al tributo, può avvenire in maniera forfettaria, applicando, previa verifica della superficie e della documentazione attestante lo smaltimento di cui al comma 1), le seguenti percentuali di riduzione sull'intera superficie dell'immobile:

 


categoria di attività

% di abbattimento

della superficie

Lavanderie, tintorie

10%

Macellerie e pescherie

10%

Officine di riparazione autoveicoli, elettrauto, carrozzerie, motorettifiche

30%

Laboratori odontotecnici

10%

Laboratori di analisi mediche, fisioterapiche e poliambulatori

30%

Gommisti

10%

Lavaggi autoveicoli

10%

Studi medici specialistici

Dentisti

Veterinari

30%

30%

30%

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per le attività diverse da quelle menzionate al comma 4, la determinazione della superficie oggetto di produzione di rifiuti speciali esclusa dalla tassazione è effettuata in base alla situazione di fatto debitamente riscontrata su planimetria quotata e misurata da un tecnico/professionista.

La riduzione o esenzione di cui ai commi precedenti viene riconosciuta su richiesta presentata con apposita denuncia di cui ai successivi articolo 20 e 21 allegando idonea documentazione comprovante l'ordinaria produzione dei predetti rifiuti ed il loro trattamento in conformità alle disposizioni vigenti (a titolo di esempio contratti di smaltimento, copie formulari di trasporto dei rifiuti speciali).

Nel caso in cui non venga prodotta la documentazione necessaria l'ufficio è legittimato ad applicare il tributo all'intera superficie salvo poi procedere a sgravio o rimborso esclusivamente con riferimento all'anno in cui il produttore ha presentato la domanda, fatta salva la prova contraria.

Ai fini della corretta identificazione del rifiuto, nonché per qualsiasi altra situazione concernente l'applicazione del presente articolo si farà riferimento al soggetto gestore del servizio.

I titolari di attività commerciali e artigianali, per ottenere la verifica di assimilabilità dei rifiuti speciali ai rifiuti solidi urbani, devono presentare apposita istanza (c.d. “omologa”) direttamente all’AMIAT a mezzo fax (011/2223323), utilizzando il Modulo raccolta dati gestione rifiuti assimilati (pdf).

Torna su

Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 2014

Stampa questa pagina

AVVERTENZE

AVVISO A TUTTI I CONTRIBUENTI CHE HANNO PRESENTATO UNA DICHIARAZIONE ISEE PER L'AGEVOLAZIONE TARI 2017 (19 KB)   AVVERTENZE:    Si avvisano i Signori contribuenti che in giornate di elevata affluenza di pubblico presso gli uffici della Tassa per i Rifiuti è possibile che venga SOSPESA ANTICIPATAMENTE LA DISTRIBUZIONE DEI NUMERI  per accedere agli sportelli. Si ricorda che è possibile scaricare la modulistica (vedere voce qui sotto "Modulistica") ed inviarla via mail oppure per posta (vedere voce qui sotto "Contatti").

 

Si ricorda che, per poter agire per conto di altra persona/azienda occorre essere muniti di delega e fotocopia documento identità del delegante.

Modulistica

(per la spedizione vedi più sotto alla voce Contatti )

  ATTENZIONE : l’ufficio si riserva la facoltà di non rispondere alle comunicazioni inviate dai contribuenti contenenti frasi offensive e/o insulti nei confronti degli operatori dell’amministrazione.

In ogni caso si ricorda che offendere o aggredire sia fisicamente che verbalmente gli operatori della P.A. costituisce reato perseguibile per legge.

Modello di dichiarazione per utenze domestiche -TARI (262 KB) Modello di dichiarazione per utenze non domestiche -TARI (23 KB) Istanza TARI (35 KB) Dichiarazione sostitutiva di atto notorio (58 KB) Dichiarazione sostitutiva di certificazione (68 KB) Modulo di comunicazione per agevolazioni ISEE (da utilizzare esclusivamente per la tassa per i rifiuti) (33 KB) Modello richiesta riduzione TARI per alloggio a disposizione (90 KB) Modello A - Minore produzione di rifiuti a seguito interventi tecnico organizzativi-2 (16 KB) Modello B - Riduzione per recupero rifiuti assimilati (18 KB) Modello C - Rifiuti Speciali (20 KB) Modulo per richiesta inserimento in categoria 32: Onlus e Associazioni (32 KB) AMIAT - Modello raccolta dati gestione rifiuti assimilati (94 KB)

Contatti

(per l'invio delle richieste si invita ad utilizzare un solo canale)

mail : tassarifiuti@comune.torino.it   (allegare copia del documento di identità)

PEC : tributi@cert.comune.torino.it  (allegare copia del documento di identità)

Sportelli corso Racconigi 49 - piano terreno : dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 (con  sospensione anticipata dei numeri in caso di notevole affluenza di pubblico).Per poter agire per conto di altra persona/azienda occorre essere muniti di delega e fotocopia documento identità del delegante.

Telefono : 011/ 011 24 853 (con ricerca automatica) dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18; il sabato dalle 8 alle 13

Fax : 011/ 011 24 678 - 011/  011 24 690 (allegare copia del documento di identità)

Progetto qualità

Il Servizio TARI è inserito nel Progetto Qualità del Comune di Torino per i servizi erogati agli utenti.
Certificato ISO 9001

Carta della Qualità dei Servizi TARI
 

logo del Progetto Qualità del Comune di Torino

Modulo online per Segnalazioni e Reclami

Attenzione : Il modulo online per le segnalazioni e reclami è  esclusivamente dedicato a ricevere reclami o segnalazioni sulla qualità percepita dei servizi erogati ai fini della Tassa per i Rifiuti. Eventuali richieste di informazione o segnalazioni relative alla propria posizione od a pratiche in corso inviate attraverso il modulo reclami online  non verranno prese in considerazione .

Condividi

Hai chiesto di condividere questo contenuto sui social network.
Clicca su quello che preferisci per effettuare la condivisione.
Questo servizio non genera cookie da parte di questo sito.

Torna indietro


Contenuti con licenza CC BY 3.0 IT , alcuni diritti riservati.
Condizioni d’uso, privacy e cookie Dichiarazione di accessibilità