Ufficio di Statistica

Osservatorio Torino



Comune > Guide ed Informazioni utili > Ufficio di Statistica > Osservatorio Torino > Rapporto 2004 sugli stranieri


Osservatorio Interistituzionale sugli stranieri in provincia di Torino: rapporto 2004

L’Osservatorio Interistituzionale sugli Stranieri in Provincia di Torino è nato nel 1996 con l’intento di monitorare il fenomeno dell’immigrazione a Torino e nel territorio della sua provincia.
Nel corso degli anni gli apporti e le aree di approfondimento e analisi dei dati si sono accresciuti, e attualmente il Rapporto annuale pubblicato dall’Ufficio di Statistica della Città di Torino costituisce probabilmente lo strumento più completo ed esaustivo ai fini della conoscenza di questo fenomeno che così tanto ha inciso in questi ultimi anni sull’evoluzione sociale e sul tessuto economico della città.
Il volume affronta quindi il tema sotto molteplici prospettive: le statistiche demografiche, i servizi sociali di accoglienza, sostegno e accompagnamento, la sanità, il lavoro e l’imprenditorialità, la pubblica sicurezza e l’istruzione.
Ognuna di queste parti è costituita da una serie di interventi, tutti qualificati al massimo livello in quanto prodotti da quelle stesse istituzioni chiamate per competenza a contribuire al governo di un fenomeno così complesso e così importante come quello delle trasmigrazioni internazionali.
A Torino gli immigrati stranieri regolari costituiscono ormai l’8 per cento della popolazione. Un bambino su quattro che nascono a Torino non è di cittadinanza italiana. Gli stranieri che scelgono di venire a stabilirsi nella nostra città sono mediamente molto giovani e scolarizzati. I lavoratori stranieri sono ormai numerosissimi nei nostri stabilimenti, nelle case dei nostri anziani e malati, negli ospedali, così come nelle scuole i bambini che provengono da culture diverse e spesso lontane dalla nostra.
L’immigrazione è una risorsa, che deve essere affrontata con senso di civiltà, cercando in ogni modo di risolvere con fermezza e determinazione quei problemi che un evento di tale portata inevitabilmente conduce con sé, riconoscendo la ricchezza che questa nuova componente della società può offrire alla città che li ospita e che li deve accogliere dignitosamente.
Un’integrazione adeguata e corretta degli stranieri nel contesto della popolazione di Torino non può prescindere da un’accurata conoscenza e diffusione dei dati, sui quali poter poi costruire progetti, programmare servizi efficaci, orientare gli eventuali conflitti verso una soluzione basata sul riconoscimento e l’accettazione di regole comuni e condivise da tutti.
L’uomo vitruviano di Leonardo che è stato scelto come immagine-simbolo di questo ottavo Rapporto dell’Osservatorio deve stimolarci ad affrontare un argomento così complesso come quello dell’immigrazione straniera con un atteggiamento di equilibrio, di civile convivenza, di armonizzazione delle varie parti del corpo sociale.
Su questo terreno Torino ha già molto da insegnare, perché molte esperienze maturate qui in questo settore hanno fatto scuola un po’ ovunque. L’auspicio è che ciò che rimane da fare – ed è ancora tanto – venga affrontato a tutti i livelli, localmente e a livello nazionale, tenendo conto di questi principi e con la capacità di cogliere le prospettive su cui siamo chiamati a confrontarci.

GAVINO OLMEO
Assessore alla statistica della Città di Torino

Volume

I file sono disponibili in formato .pdf (necessitano del lettore gratuito Acrobat Reader ).


Pubblicazioni

Osservatorio stranieri



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookie