N. 347

CITTA' DI TORINO
SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE

RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI

INDIRIZZI PER LA NOMINA, LA DESIGNAZIONE E LA REVOCA DEI RAPPRESENTANTI DELLA CITTÀ PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale in data 22 dicembre 2011 (mecc. 2011 05182/002 ) esecutiva dall'8 gennaio 2012. Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale in data 24 febbraio 2014 (mecc. 2013 07429/002 ) esecutiva dal 10 marzo 2014.

File in formato rtf

INDICE

1.  Ambito d'applicazione
2.  Impedimenti alla nomina o designazione
3.  Ulteriori limiti alla nomina o designazione
4.  Presentazione delle candidature
5.  Valutazione delle candidature
6.  Doveri dei rappresentati della Città di Torino
7.  Revoca e dimissioni
8.  Forme di pubblicità


1. Ambito d'applicazione

1.1.   Gli indirizzi di seguito definiti si applicano a tutti i procedimenti di nomina, designazione e revoca di rappresentanti della Città di Torino in enti, aziende speciali, istituzioni, consorzi, associazioni tra comuni, società di capitali e consortili, istituti di credito e loro enti di controllo o fondazioni, università, politecnici, teatri, musei, istituzioni culturali, fondazioni culturali (d'ora in poi nel testo enti, aziende ed istituzioni) ad eccezione dei seguenti casi:
a.     ove la persona da nominare o designare sia già espressamente individuata da disposizione di legge, statuto, regolamento, convenzione;
b.     ove si tratti di nominare, designare o revocare una persona in comitati, gruppi di lavoro, commissioni o simili operanti all'interno dell'Amministrazione comunale;
c.     nei casi previsti dall'articolo 51, comma 9, Statuto della Città di Torino, in particolare ove la Città di Torino aderisca ad enti senza fini di lucro o concorra ad istituire gli stessi e lo statuto di tali enti preveda espressamente il conferimento della carica di presidente o amministratore al Sindaco o agli Assessori in connessione al loro mandato elettivo.

2. Impedimenti alla nomina o designazione

2.1.   Ferme le specifiche cause ex lege d'impedimento alla nomina o designazione, non possono essere nominati o designati quali rappresentanti della Città di Torino presso enti, aziende ed istituzioni coloro i quali:
a.     versino nelle condizioni di incandidabilità, ineleggibilità ed incompatibilità previste per la carica di consigliere comunale secondo le norme della disciplina vigente in quanto applicabili;
b.     abbiano ricoperto cariche, quali rappresentanti della Città di Torino, per un periodo complessivamente superiore alla durata di due mandati amministrativi, ovvero, quando il mandato di nomina sia più lungo di quello amministrativo, per due mandati interi e consecutivi nell'ente, azienda o istituzione per cui si deve procedere alla nomina o designazione escluse quelle indicate al Titolo III del D.Lgs. 267/2000;
c.     siano componenti di organi consultivi, di vigilanza o di controllo chiamati ad esprimersi sui provvedimenti e sull'attività degli enti, aziende o istituzioni cui si riferisce la nomina o designazione;
d.     si trovino in condizioni di conflitto d'interesse rispetto all'incarico, avendo, per le attività esercitate, interessi direttamente o indirettamente in contrasto con quelli dell'ente, azienda o istituzione cui si riferisce la nomina o designazione;
e.     siano in qualsiasi modo in rapporto di dipendenza, partecipazione o collaborazione contrattuale o professionale con l'ente, azienda o istituzione cui si riferisce la nomina o designazione.

2.2.   Il sopraggiungere in corso di mandato di una causa d'incandidabilità indicata al precedente paragrafo 2.1.a. comporta la revoca della relativa nomina o designazione ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo 58, comma 3, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; il Sindaco provvede senz'indugio alla nuova nomina e designazione alla carica d'interesse.

2.3.   Ove l'interessato abbia taciuto l'esistenza di una preesistente causa d'impedimento alla nomina o designazione, il Sindaco - previa contestazione e concessione di un termine a difesa per produrre memorie e documenti non inferiore a cinque giorni - revoca in danno dell'interessato la precedente nomina o designazione alla carica e provvede senz'indugio alla nuova nomina o designazione alla carica stessa.

2.4.   Ove sopraggiunta in corso di mandato, una causa d'impedimento alla nomina o designazione prevista ai precedenti paragrafi 2.1.a., 2.1.b., 2.1.c., 2.1.d., 2.1.e. si trasforma in causa d'incompatibilità.

2.5.   Il Sindaco contesta all'interessato la causa d'incompatibilità sopraggiunta in corso di mandato con termine a difesa di cinque giorni per produrre memorie e documenti e con termine di quindici giorni per rimuovere la causa stessa, decorsi inutilmente i quali il Sindaco revoca in danno dell'interessato la precedente nomina o designazione alla carica e provvede senz'indugio alla nuova nomina o designazione alla carica stessa.

2.6.   Per ogni procedura di nomina o designazione gli uffici della Città di Torino predispongono il facsimile di domanda ove sono indicate tutte le cause d'impedimento alla nomina o designazione previste dalla presente deliberazione e dalla disciplina all'epoca vigente con l'indicazione delle relative disposizioni d'interesse.

3. Ulteriori limiti alla nomina o designazione

3.1.   Per le nomine o designazioni di rappresentanti della Città di Torino in collegi sindacali o dei revisori di enti, aziende o istituzioni di cui al paragrafo 1.1. l'interessato deve essere iscritto nel Registro dei Revisori Contabili al momento di presentazione della domanda.

3.2.   La stessa persona può essere nominata o designata quale rappresentante della Città di Torino in più enti, aziende o istituzioni di cui al paragrafo 1.1. partecipate dalla Città stessa. All'atto d'accettazione delle cariche successive alla prima l'amministratore interessato deve dichiarare alla Città di Torino la scelta di uno solo degli emolumenti previsti in ragione delle cariche ricoperte rinunciando espressamente a tutti gli altri. S'applica il precedente paragrafo 2.3. per il caso di cumulo degli emolumenti in violazione di tale scelta dichiarata al Comune.

4. Presentazione delle candidature

4.1.   Entro il 15 gennaio ed entro il 15 luglio di ciascun anno la Città di Torino pubblica l'elenco delle nomine e designazioni da effettuare nel semestre successivo, ferma restando la pubblicazione di elenchi suppletivi per le nomine e designazioni che si rendano necessarie nel corso dell'anno.

4.2.   La pubblicazione degli elenchi deve essere effettuata sull'Albo Pretorio on line della Città di Torino, nonché sul sito web della Città di Torino con avviso messo "in evidenza".

4.3.   Gli elenchi devono contenere:
a.     la denominazione dell'ente, azienda o istituzione e l'indicazione della carica per cui occorre procedere alla nomina o designazione, nonché la descrizione del relativo profilo orientativo delle funzioni, competenze e capacità professionali ritenute utili per lo svolgimento dell'incarico;
b.     i requisiti per la nomina o designazione;
c.     la data entro cui deve essere presentata la proposta di candidatura;
d.     il compenso e/o il rimborso spese per lo svolgimento delle funzioni connesse alla carica d'interesse e la sintesi degli atti costitutivi e degli eventuali patti parasociali dell'ente, azienda o istituzione, anche mediante link alle pagine del sito web della Città di Torino dedicate alle nomine (sezione Giunta Comunale) oppure del sito web del relativo ente, azienda o istituzione.

4.4.   La pubblicità è garantita anche da apposita conferenza stampa.
4.5.   Le candidature per le nomine e le designazioni possono essere presentate da singoli candidati unicamente attraverso il modulo predisposto dall'ufficio nomine e reso disponibile sul sito web della Città di Torino.
4.6.   Tale modulo si compone di un facsimile di domanda di partecipazione e di un facsimile di curriculum vitae. Il facsimile di curriculum vitae deve essere predisposto in modo da consentire al candidato di indicare e descrivere gli studi effettuati, le competenze acquisite, le esperienze professionali ed istituzionali svolte.
4.7.   Gli interessati possono integrare la propria candidatura con non più di n. 2 lettere di referenza sottoscritte esclusivamente da persone fisiche di comprovata competenza ed autorevolezza nella materie cui la nomina si riferisce. La sottoscrizione delle singole lettere da più persone comporta l'immediata esclusione dalla procedura di nomina del candidato.
4.8.   Le candidature sono indirizzate al Sindaco ed accompagnate da una fotocopia di documento di identità in corso di validità.
4.9.   Le candidature sono spedite alla Città di Torino unicamente in forma telematica, mediante posta elettronica certificata oppure con caricamento sul sito web della Città di Torino attraverso apposita procedura.

5. Valutazione delle candidature

5.1.   Almeno dieci giorni prima di procedere alla nomina o designazione il Sindaco invia al Presidente del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo una nota ove individua il nome del candidato alla carica prescelto allegando la dichiarazione di disponibilità di quest'ultimo, corredata di curriculum vitae e delle eventuali lettere di referenza. I curricula e le eventuali lettere di referenza di tutti i candidati sono altresì pubblicati sul sito web della Città di Torino al momento della presentazione della domanda. Il candidato, attraverso apposita procedura telematica, può in qualunque momento, rinunciare alla domanda già presentata. In tal caso il curriculum ed ogni altra documentazione prodotta viene resa non più visibile sul sito web della Città di Torino.

5.2.   Il Sindaco, eventualmente anche avvalendosi del supporto di esperti da lui interpellati, individua il candidato prescelto esplicitando nella nota sopra indicata le ragioni di preferenza dello stesso rispetto agli altri partecipanti al procedimento in ragione dei seguenti criteri:
a.     rappresentanza di genere;
b.     competenza ed attinenza del curriculum vitae rispetto al profilo della carica, anche in relazione all'età anagrafica ed all'anzianità professionale del candidato;
c.     indipendenza ed assenza di conflitti d'interesse.

5.3.   Il Sindaco esprime le ragioni di preferenza del candidato proposto in ragione degli indicati criteri quand'anche l'interessato sia l'unico partecipante al procedimento.

5.4.   La Conferenza dei Capigruppo può procedere all'audizione del candidato proposto dal Sindaco. L'audizione si svolge previa presentazione del candidato da parte del Sindaco o suo delegato.

5.5.   Ove siano più d'uno i rappresentanti della Città di Torino nell'ente, azienda o istituzione di cui al paragrafo 1.1., il Sindaco effettua la nomina o designazione d'interesse in modo che sia comunque assicurata una percentuale non inferiore al 33% di rappresentanti della Città di Torino per ciascun genere.

5.6.   Gli atti finali del Sindaco di nomina o designazione sono motivati anzitutto in ragione dei criteri di cui al paragrafo 5.2., nonché pubblicati all'Albo pretorio secondo le norme stabilite dalla disciplina vigente.

6. Doveri dei rappresentati della Città di Torino

6.1.    (revocato)

6.2.    (revocato)

6.3.   Ai sensi dell'articolo 1, comma 735, Legge n. 296 del 2006, i rappresentanti della Città di Torino in società sono tenuti a comunicare all'Ufficio Nomine della Città di Torino, entro trenta giorni dal conferimento dell'incarico, il relativo compenso ai fini della pubblicazione nel sito web dell'Amministrazione comunale. I rappresentanti sono tenuti altresì a comunicare la previsione di rimborsi spese.

6.4.   I rappresentanti della Città di Torino presentano, contestualmente all'approvazione del bilancio dell'ente ove sono stati nominati o designati o qualora il Sindaco o il Consiglio Comunale attraverso la Conferenza dei Capigruppo ne facciano richiesta scritta, una relazione sull'attività svolta e sull'andamento dell'ente.

6.5.   Nello svolgimento delle proprie funzioni i rappresentanti della Città di Torino in aziende pubbliche, enti dipendenti, sovvenzionati o sottoposti a vigilanza tengono conto degli indirizzi eventualmente approvati dal Consiglio Comunale ai sensi dell'articolo 42, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.

6.6.   Gli enti, aziende ed istituzioni di cui al paragrafo 1.1. ed i rappresentanti in esse della Città di Torino s'attengono ai principi ed alle norme del presente regolamento ove compatibili per tutte le nomine o designazioni da effettuare in ulteriori organizzazioni da queste dipendenti, controllate, vigilate o comunque ad esse collegate, in particolare garantendo che le scelte dei candidati siano motivate espressamente negli atti previsti dai rispettivi ordinamenti ed avvengano, in ragione degli indicati criteri di rappresentanza di genere, competenza ed attinenza del curriculum vitae al profilo di carica, comunicando al Sindaco, alla Presidenza del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo gli atti espressi e motivati di scelta entro quindici giorni dalla loro adozione, decorsi inutilmente i quali il rappresentante della Città di Torino che abbia determinato o concorso a determinare la violazione a tale dovere di comunicazione può essere revocato.

6.7.   Ai rappresentanti della Città di Torino negli enti, aziende ed istituzioni di cui al paragrafo 1.1. sono richieste le informazioni previste dalla deliberazione n. 48 approvata dal Consiglio Comunale del 26 aprile 2010 (mecc. 2009 01790/002) e sue successive eventuali modifiche. Tali informazioni sono pubblicate sul sito web della Città di Torino, come previsto nel medesimo provvedimento.

6.8.   Al fine di garantire adeguata pubblicità alle procedure di nomina e designazione le organizzazioni di cui al paragrafo 1.1. comunicano entro il 15 gennaio ed entro il 15 luglio di ciascun anno al Sindaco, alla Presidenza del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo l'elenco delle nomine di cui al paragrafo 6.6 che dovranno essere effettuate nel successivo semestre indicando esplicitamente anche il soggetto cui compete la nomina ed ogni altro dato di interesse tra cui gli eventuali compensi o rimborsi spese ove previsti. Tali informazioni devono essere rese immediatamente disponibili sul sito web della Città di Torino in apposita sezione dedicata. A nomina avvenuta gli enti, aziende ed istituzioni di cui al paragrafo 1.1. danno apposita comunicazione al Sindaco, alla Presidenza del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo.

7. Revoca e dimissioni

7.1.   Il Sindaco può revocare le persone nominate o designate:
a.     nei casi disciplinati nei precedenti articoli 2, 3 e 6;
b.     per perdita di uno dei requisiti soggettivi previsti per la nomina o designazione;
c.     per comportamenti contraddittori o omissivi, o reiterate inottemperanze agli indirizzi definiti dal Consiglio Comunale per aziende pubbliche, enti dipendenti, sovvenzionati o sottoposti a vigilanza;
d.     al venir meno del rapporto fiduciario con il Sindaco.

7.2.   Il procedimento di revoca è avviato con comunicazione scritta all'interessato cui devono essere contestati espressamente fatti e possibili motivi di revoca, comunque concedendo un termine a difesa non inferiore a 15 giorni per produrre memorie e documenti.

7.3.   Il procedimento di revoca si conclude nei successivi 15 giorni con provvedimento espresso ove il Sindaco illustra i fatti e le ragioni della decisione infine adottata, quand'anche essa non sia di revoca.

7.4.   Di ogni provvedimento del Sindaco è data immediata comunicazione alla Presidenza del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo, con pubblicazione all'Albo pretorio secondo la disciplina vigente.

7.5.   Quando un rappresentante della Città rassegna le dimissioni, il Sindaco ne deve dare immediata informazione al Presidente del Consiglio Comunale ed ai Capigruppo.

8. Forme di pubblicità

8.1.   La Città di Torino pubblica sul proprio sito web istituzionale i dati relativi agli enti, aziende ed istituzioni partecipate, sovvenzionate o sottoposte a vigilanza ed ai soggetti in essi nominati o designati.