Home

Comune di Torino

Polo cittadino della Salute

La Salute a Torino

Novità su Città Sane – Torino

A Torino il XV Meeting Nazionale Città Sane 2017 il 26 e 27 ottobre

4 ottobre 2017

Il Meeting, arrivato alla sua quindicesima edizione, è l’appuntamento annuale per le città aderenti alla Rete in cui riflettere sui temi delle politiche pubbliche in rapporto al benessere dei cittadini. Il titolo di quest’anno è “ROBA DA MATTI? Dialogo aperto tra le città”

“Expo un anno dopo: buone pratiche e buone politiche dalle città.”

4 ottobre 2016

A un anno dalla chiusura di EXPO e dalla firma del Milan Urban Food Policy Pact, le città della Rete si ritroveranno a Modena il giorno 7 ottobre p.v.

Protocollo nazionale per promuovere l’uso della bici

8 settembre 2016

Firmato a Modena, giovedì 1 settembre, l’accordo tra la Rete Città Sane e la Fiab per un lavoro comune sui temi della mobilità sostenibile in relazione alla salute.

L’oscar della salute 2016 va al Comune di Torino con il progetto “ETD – Enjoy The Difference”

13 maggio 2016

Il progetto vincitore assoluto dell’Oscar della Salute 2016, meritevole di un contributo di 2000 euro da parte della Rete Città Sane OMS è “ETD – Enjoy The Difference”, presentato dal Comune di Torino

Oscar della Salute 2016 – nona edizione

26 gennaio 2016

Un premio di 2mila euro per il progetto giudicato più meritevole messo in campo da un Comune italiano nel 2015 sul tema della promozione della salute e quattro premi minori ad altrettante città

POLO CITTADINO DELLA SALUTE: un servizio della Città per la Città

La salute è una sfida centrale del nostro tempo in quanto stiamo scoprendo che, seppur circondati da una certa sicurezza riposta nelle tecnologie e da un aumento della speranza di vita, il progresso non ci rassicura più e che la “qualità del vivere” conta più della semplice sopravvivenza.

cartolina la salute

Anche il concetto di salute negli anni è notevolmente cambiato , un tempo significava principalmente “assenza di malattia” e la richiesta sociale era prettamente sanitaria, ma da diversi anni esso è cambiato e viene considerato come uno “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia” (OMS) e, a partire da tale percezione, le persone fanno richieste molto più ampie e articolate.

La salute, quindi, non dipende più solo da un buon funzionamento dei servizi sanitari ma anche e soprattutto da ambiente, alimentazione, casa, lavoro, trasporti, informazione… che risultano determinanti nella vita e per le scelte di ogni individuo. Una buona qualità della vita, conseguente all’ adozione di stili di vita corretti , consentirà così di ridurre i fattori di rischio nei confronti di molte malattie e costituirà un determinante fondamentale per la tutela e la promozione del ben/essere. Questo percorso verso una maggiore consapevolezza è possibile farlo singolarmente, ma raggiunge la sua pienezza solo quando è compreso e avviato in maniera collegiale all’interno dei contesti nei quali operiamo o viviamo: le comunità.

Ed è proprio in queste situazioni che parole come partecipazione, condivisione, promozione, sviluppo, salute, ben/essere… assumono valenze alte proprio perché non sono solo enunciate, ma condivise e realizzate. La maggior sfida che ci pone l’attuale società , che è peraltro connessa alla sua intrinseca complessità, è proprio quella di avere uno spirito critico, un pensiero che interconnette e una capacità di padroneggiare le conoscenze, non solo da un punto di vista intellettivo, ma anche come ricerca e sperimentazione concreta nella nostra vita quotidiana.

Intendendo la Salute come bene capace di generare influenze decisive sulla coesione sociale, sulla qualità della vita e sull’equità di accesso ai servizi e facendo proprie le linee guida dell’OMS, la città di Torino ha intrapreso da tempo un percorso mirato a sviluppare un programma di salute per il miglioramento del ben/essere dei cittadini, rafforzando l’adozione di una metodologia di rete e di cooperazione.

Il Polo cittadino della Salute vuole essere uno spazio dove poter generare e costruire una visione d’insieme e rafforzare le azioni di aggregazioni con i diversi enti coinvolti, a vario titolo, nella programmazione della salute per un lavoro di comunità. Si configura come l’ Ufficio Città sane del Comune di Torino che aderisce al Progetto Rete Città Sane – OMS, nazionale ed europeo.

AREE DI LAVORO

Realizzate con la collaborazione dei diversi settori dell’amministrazione, delle Circoscrizioni cittadine, delle Aziende Sanitarie, di Cipes Piemonte, di enti, cooperative e associazioni, si sviluppano in due direttrici operative:

PUNTO SOGLIA

Vivere la rete arricchisce di esperienza e conoscenze e permette di acquisire e condividere strumenti, idee e progetti che siano da stimolo all’attività quotidiana; significa entrare in un network che valorizza l’apporto di ogni membro e lo condivide con gli altri, che valorizza le esperienze positive a livello locale, dia loro visibilità e le utilizza per aumentare il know-how comune. Entrare nella rete significa anche guardare più in la dei propri confini e poter riflette in un confronto continuo per individuare soluzioni migliori da inserire e proporre all’interno delle proprie iniziative.

Entrare vuol dire favorire la costruzione e l’utilizzo di una base di dati per la salute: un archivio di idee, azioni, progetti, iniziative, metodologie, buone pratiche. Non solo un “database” di iniziative già avviate ma una vera e propria opportunità per conoscere e costruire nuove relazioni progettuali.

Il sito http://www.comune.torino.it/pass/salute vuole essere un’agorà dedicata alla salute urbana sempre aperta sul mondo delle attività inerenti la salute e nello stesso tempo un’offerta di informazioni aggiornate, documenti di approfondimento, informazioni sulle attività realizzate all’interno del panorama cittadino e nazionale.

POLO EDUCATIVO

Il Polo cittadino della Salute si propone come una esperienza itinerante, che mette a disposizione strumenti a quanti intendono approfondire la tematica ben/essere. Si tratta di prodotti di diverso genere: schede, depliants, articoli divulgativi ecc. ecc., frutto della ricerca e dell’esperienza realizzata in questi ultimi anni, di occasioni di condivisione e di scambio di buone pratiche, di modelli di attività, di idee e stimoli offerti a chi è impegnato quotidianamente per la costruzione di una città davvero in salute.

ATTIVITÀ

PRESSO IL POLO CITTADINO DELLA SALUTE:

PROPOSTE FORMATIVE/EDUCATIVO ITINERANTI:

Le proposte formative/educativo sono fornite in modo gratuito , previa definizione della tempistica e della progettualità specifica; vengono realizzate attraverso moduli formativi della durata di 3 ore, utilizzando una metodologia partecipata, che richiede il coinvolgimento attivo dei ragazzi.

Riferimenti normativi