Home

Comune di Torino

Polo cittadino della Salute

La Salute a Torino

“L’afasia ti lascia senza parole”

Al via il programma che la Fondazione Carlo Molo con il patrocinio della Città di Torino organizza in occasione della X Giornata Nazionale dell’Afasia. Come ogni anno è prevista una campagna di sensibilizzazione che vede proiettato nei maggiori cinema torinesi e sui monitor della metropolitana (grazie a GTT) Lo spot “Parole incrociate”

Partecipano alla campagna Nazionale, Eliseo, Centrale, Greenwich, Fratelli Marx, Due Giardini, Lux, Massimo, Ambrosio Politeama (Ivrea), I Portici (Fossano), Il Mulino (Piossasco)

Nel week end del 14, 15, 16 ottobre la Mole si illuminerà con la scritta “L’afasia ti lascia senza parole”

Ma il clou del programma sarà Lunedì 16 ottobre a lle ore 15 alla Sala Movie di Film Commission in Via Cagliari 42 con l’ Anteprima del docufilm “ PAROLE DENTRO – UN’ESPERIENZA DI TEATRO BABEL”

Regia di Filippo Angelone – Produzione Fondazione Carlo Molo onlus – durata 30’

La presentazione del docufilm sarà accompagnata da una tavola rotonda dal titolo ore 16.30 Tavola Rotonda “Parole Dentro. Da pazienti ad attori. Buone pratiche di cura e inclusione” cui parteciperanno importanti figure del mondo del teatro sociale, del cinema e della salute

La sera invece alle ore 21.00 al Circolo dei Lettori organizza la serata “Lo scherzo del destino che ci ha reso più forti”.

è previsto un reading del libro di Cesare Bocci e Daniela Spada dal titolo “Pesce d’Aprile” (Sperling & Kupfer)

Prendendo spunto dal sottotitolo del libro di Cesare Bocci e Daniela Spada un reading dei brani più salienti del libro e una conversazione con il pubblico e alcuni professionisti che lavorano sulle problematiche dell’Afasia e delle conseguenze di un ictus, volte sia a  potenziare le abilità residue della persona afasica che al raggiungere gli obbiettivi della maggior autonomia e inclusione sociale possibili.

La prima domenica a casa dopo il parto con la piccola Mia che aspetta di essere allattata, poi un improvviso dolore cancella tutto. È il 1° aprile 2000. Daniela Spada si risveglierà dal coma dopo venti giorni per ritrovarsi in un incubo ancora più grande: il lungo percorso per  riprendersi dalle conseguenze di un ictus  bastardo che ha colpito il cervelletto. 
«Non camminerà più», avverte il medico. «Certo che lo farà!» risponde il suo compagno Cesare Bocci, il volto televisivo di Mimì Augello…