Welcome to the O.V.EST Web SITE.


Chi siamo

Formazione


O.V.EST


Demotape


Frasi...

Email

Torna all'inizio...

Oriente Verso Est


Beh!... c'è una pecora che cammina nel deserto, ad un certo punto incontra un cammello ... si ferma e gli dice: - e beh? -
Sicuramente non è il modo migliore per iniziare la presentazione di un gruppo, ma del resto, all'inizio, quanto ha spaccato Luca con questo Beh-Beh...
è quindi più giusto dire che il gruppo nasce tra un belato e l'altro quando Andrea, Simone e Luca decidono di prendere i voti, diventare pastori e, come ultima cosa, suonare insieme, nel lontano Settembre '96. Del resto, sono tanti i pecoroni che intorno e come loro si dilettano con strumenti di ogni tipo, come sono tanti i generi musicali a cui i tre fanno riferimento. Il nostro è un tecnohe-poptrashnoisepunkalternativecore, o forse è solo il risultato di tanti litri di sudore in sala prove e del desiderio di riuscire a fare ancora qualcosa di nuovo in campo musicale dove tutto è ormai troppo uguale a tutto il resto. Non fraintendete, non abbiamo certo la presunzione di inventare un nuovo genere musicale ... ci basta solo spararvi addosso la nostra rabbia, il nostro disagio, senza necessariamente andare avanti per un quarto d'ora con lo stesso tempo di tripla cassa o con l'assolo di chitarra più veloce del mondo. Se poi vi chiedete perché Andrea si ostini a scrivere in maniera ermetica delle sue emozioni invece che raccontarci di tutte le donne che si porta a letto, Beh, scegliete tra le seguenti possibilità:

  1. è ricchione;
  2. ha dei gravi e incolmabili problemi di sintassi e analisi logica;
  3. non ne può proprio più delle solite banalità, dei soliti luoghi comuni e delle solite frasi fatte che la radio ci passa con l'ossessività di un martello pneumatico finito nelle mani di un serial killer.

Se siete in possesso del nostro demo o se lo richiederete (costa solo 3.000 lire) e nel caso un giorno vi capiti di accorgervi che, per quanti sforzi facciate, di ventiquattro ore ne riuscirete a vivere intensamente solo ventitrè e mezzo, nella rimanente mezz'ora provate a darci ascolto ... chissà ... noi ce la stiamo mettendo tutta per aggiustare il tiro e provare ad andare da qualche parte, voi gentilmente petreste indicarci dove si passa, aiutarci ad aggiustare la mira in versione kamikaze, o semplicemente farci sapere che ci siete, che ci avete visti o sentiti, che vi stiamo sul culo, che avete visto anche voi una pecora inforcarsi un cammello ...


Torna all'inizio...


Formazione


 

Contatti


voce, basso


Andrea Cotza


Via Leone XIII, 16 - 10040 VOLVERA (TO) - 011 9857708


batteria


Simone Falconi


Via di Nanni, 16/1 - 10043 ORBASSANO (TO) - 011 9012896


chitarra


Luca Rossi


Via Nino Bixio, 33 - 10043 ORBASSANO (TO) - 011 9003547


Scriveteci: xovest@tin.it




Torna all'inizio...


Il demo realizzato, "Oriente Verso Est" è ciò che segue:


 
Oriente Verso Est in

Real Audio Audio

Recensioni


rievocazione


 

mentre



ROCKIT

del 12 novembre '97


persosi già



oltre la pelle



il bimbo che eri


 

che schianto


 




Torna all'inizio...


Veloce, semplice, fulminante,
istintivo senso boschivo-metropolitano,
primordiale ricordo mai dimenticato.
Diretta sensazione di violenza pungente
rapidamente colpisce quando arriva
silenziosamente urli il tuo dolore
Ma è il raggiro di ciò che non sei
frustrazione che non capirai

che lascerà un segno crudele
Sempre oscurato da tutti i tuoi Dei
falsi o presunti ma spenti e un po' vaghi,
illuminato da un torbido sole.
Ricordo lontano del bimbo che eri
forte, reattivo, devastante

dubbioso si, ma mai titubante
neanche i colori di ciò che vedevi
la gioia che spesso provavi
resistono di fronte a tanta violenza.
Desiderare il contrario ricadendo nel rituale degli scambi di cortesie
e di falsi sorrisi, falsi sorrisi, falsi sorrisi
, annullano ogni novità,
distruggendo sogni, distruggendo i miei sogni,
sto attento ma inciampo, quando inciampo mi incastro,
mi incastro nel meccanismo di ciò che gira sempre oltre la pelle,
oltre la coltre di stucco schifoso dietro la quale si nascondono.
Imbarazzato ridicolizzato offeso, triste fragile incompreso

da sempre in ogni momento da tutti.
Ognuno è diverso,
ognuno è diverso.


Rievocazione fatale, struggente,
rosea combinazione
tra falso e ridicolo,
scortese vendetta di un passato mai acquisito,
vana ricerca di certezze smitizzate.
Ostacoli che improvvisamente
esplodono di maestosità!
Rievocazione fatale!

Sensazione inconsistente, irraggiungibile spessore
ricerca non più ostinata di ciò che volevo
forse sicurezza di aver raggiunto la fine.
Ma manca ormai così poco che neanche me ne accorgo.
Semplice e così complicato: vendere l'illusione per comprare il sogno.
Sembra molto facile!
L'illusione di un sogno sempre cercato,
dopo anni di attesa. E' sempre tale e talmente semplice
che è ormai facile vederlo.
L'illusione è difficile dimenticarla.



 

Torna all'inizio...


RIEVOCAZIONE
 
Veloce, semplice, fulminante,
istintivo senso boschivo-metropolitano
Traspare l'origine devastante,
frantumato ricordo di un tempo mai dimenticato.
Primordiale imminente!
Diretta sensazione di violenza pungente
rapidamente colpisce, quando arriva
silenziosamente urli...
Rievocazione fatale struggente,
rosea combinazione,
recitazione ridicola e scortese,
vendetta mai intimata,
vana ricerca, certezze smitizzate,
ostacoli improvvisi...
Rievocazione fatale, rievocazione fatale!





Torna all'inizio...


MENTRE
 
Io suono, disegno, ho imparato a liberarmi,
catturo ciò che penso,
... mentre sorridi o tenti
Legato frenato, inibita ricorrenza,
rapito da un tormento,
... e sono via da tempo.
Bloccato, deriso, istinto mai scovato
copione deprimente,
... perdo ma rido sempre.
Lontano ricordo di prepotenza vana,
di sogni inesplorati,
... mentre sorridi o tenti
mentre sorridi o tenti ...


Suoniamo lo sdegno, la voglia di calore,
speranza sempre viva,
... mentre ti bruci i sensi
Salviamo la voglia di ridare colore
a quello che rimane,
... mentre ti uccidi o tenti.
Scampati per poco,
effimera illusione di vivere volando,
... mentre ti trovi dentro.
Soldati di un gioco,
lasciati al proprio tempo malato di finzioni,
... mentre ti uccidi o tenti,
mentre ti uccidi o tenti ...

 


Torna all'inizio...


PERSOSIGIA
Sensazione inconsistente, irraggiungibile spessore,
frustrazione irrilevante di una vita inconcludente
Persosi già, persosi già nell'attesa, persosi già, mai!

Lentamente agonizzando, di sorpresa ...
che EMOZIONE!
Persosi già, persosi già nell'attesa, persosi già, mai!

Emozione intollerata da una mente sorprendente
Persosi già, persosi già nell'attesa, persosi già, mai!

Desiderare il contrario ricadendo nel rituale degli scambi di cortesie,
di falsi sorrisi, falsi sorrisi, falsi sorrisi!

Tentazione affascinante dentro fiumi di passione,
saggia presa di coscienza, negazione soffocante
Persosi già, persosi già nell'attesa, persosi già, mai!

Emozione ritrovata dietro un velo irriverente
Persosi già, persosi già nell'attesa, persosi già, mai!

Desiderare il contrario ricadendo nel rituale degli scambi di cortesie,
di falsi sorrisi, falsi sorrisi, falsi sorrisi!




 

Torna all'inizio...


OLTRE LA PELLE

Tenue bagliore, sfondo incolore ritratto nel buio,
perso nel tempo di un lampo di luce,
con un sorriso ...
Oltre la pelle, oltre la coltre di stucco schifoso,
dietro la quale si nascondono da sempre in ogni momento,
giuro non sarò mai...
Imbarazzato, ridicolizzato offeso, triste fragile incompreso.
Imbarazzato, ridicolizzato offeso, triste fragile incompreso.


Limpido ardore, candido amore disperso e svanito
contorto messaggio filtrato e sbiadito,
se incroci il mio sguardo non mi ritroverai...


Imbarazzato, ridicolizzato offeso, triste fragile incompreso.
Imbarazzato, ridicolizzato offeso, triste fragile incompreso.

 


Torna all'inizio...


IL BIMBO CHE ERI

Ricordi l'animo forte, reattivo, devastante.
Eri fantastico, bello, sicuro, divertente
ed arrivavano baci, carezze ed emozioni.
Ira dell'odio: nasce un'immagine tremante...
Sempre oscurato da tutti i tuoi dei,
falsi o presunti ma spenti e un po' vaghi.
Illuminato da un torbido sole,
ricordo lontano del bimbo che eri.
Questo è il raggiro di ciò che non sei,
frustrazione che non capirai...

 

 



Torna all'inizio...


CHE SCHIANTO
 
Movimentato, alternativo, differente,
sollecitante, interattivo, stimolante.
Eccitazione nel provare l'esplosione,
fisico attivo, delirante ... delirante!
Inesauribile passione incessante,
voglia di urlare, di saltare. Negazione.
Desolazione svuotamento, è finita...
tutto si arresta lentamente... lentamente ...
Riesaltante affluenza, improvvisa,
senza più il suono dirompente, trascinante.
Suono di un lampo sibilante si avvicina,
attimo perso è un istante ... un istante ...
CHE SCHIANTO! CHE SCHIANTO!
CHE SCHIANTO! CHE SCHIANTO!


Movimentato, alternativo, differente,
posticipato genocidio agghiacciante,
semplificata soluzione desolante,
stratificata differenza.
Resta soltanto la violenza, la tragedia,
anima persa, il tentaivo, la speranza.
Sorta di spirito ribelle, diffidente,
perso per sempre, ormai svanito ... ormai svanito ...
CHE SCHIANTO! CHE SCHIANTO!
CHE SCHIANTO! CHE SCHIANTO!