vai ai contenuti vai al menu

Città di Torino - ITER

Città di Torino

ITER

Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile


MENU DI NAVIGAZIONE:

torna su


home > servizi > centri di cultura > gioco

Logo Centri di cultura per il gioco

LUDOTECHE

LUDO-PICCOLI

LUDO BABY

SISTEMA QUALITÀ

CENTRO CULTURA LUDICA

IL GIOCO IN MOSTRA

GRUPPO GIOCO IN OSPEDALE

PROGETTI, EVENTI E COLLABORAZIONI

Centri di cultura per il gioco

“Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore,
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo, dalla fantasia.”

(Francesco De Gregori, La leva calcistica della classe 1968, dall'album Titanic, 1982)
Le proposte di attività che sono presentate e sviluppate dai Centri di Cultura per il Gioco si riferiscono a “una pedagogia del gioco che consente di ripensare e di mettere in gioco le relazioni educative, con un atteggiamento che percorre la conoscenza come desiderio e che lascia spazio agli imprevisti” (Paola Manuzzi, Pedagogia del gioco e dell'animazione. Riflessioni teoriche e tracce operative, Guerini, Milano, 2002).
I Centri di Cultura per il Gioco raccolgono il Centro per la Cultura Ludica e le otto Ludoteche territoriali; sono luoghi d'incontro e di conoscenza, spazi attrezzati e predisposti per il gioco, organizzati e sostenuti da personale qualificato in campo educativo oltre che esperto dell'universo gioco. Offrono il loro servizio a bambini e ragazzi, alle famiglie e alle scuole, con le quali sono disponibili per attivare co-progettazioni, assumendo il valore del gioco quale valore educativo, sociale e culturale. Ad essi si aggiunge il servizio del Gruppo Gioco in Ospedale presente in due ospedali torinesi (OIRM e Martini).
Il gioco aiuta a conoscere e a muovere il proprio corpo, a esplorare gli oggetti e le molte possibili e impossibili funzioni, a imparare a cooperare con gli altri, valorizzando l'incontro tra le culture; nel gioco ci si mette alla prova, superando ostacoli fisici o di relazione in modo graduale e personale. La particolare condizione in cui si svolge il gioco consente di fissare meglio ciò che si è appreso e rende più facile trasformare e mettere in relazione le diverse esperienze. In altre parole: il gioco aiuta a consolidare la conoscenza.
Il gioco è esercizio di libertà e creatività ma, nella cultura contemporanea, genera anche una forte contraddizione perché, pur essendone riconosciuta la funzione educativa, viene ancora limitata la disponibilità di spazio e di tempo da dedicare ad esso. Per questo è importante impegnarsi per garantire il diritto al gioco, con attenzione ai bisogni del bambino, alle esigenze della famiglia e ai desideri della scuola.
Nei Centri di Cultura per il Gioco una particolare cura è dedicata alla formazione e alla consulenza, attraverso la proposta di percorsi in cui teoria e pratica si completano e consentono ad educatori ed insegnanti di trovare occasioni per esplorare il gioco quale strumento di incontro, di approfondimento, di cooperazione e di valutazione.
I Centri di Cultura per il Gioco sono servizi aperti alle famiglie, ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze, agli appassionati di gioco e propongono attività differenziate per le diverse età ed esigenze degli utenti: le mattine dedicate ai più piccoli, i pomeriggi di gioco, le feste, gli eventi tematici, i laboratori ludico-creativi.

Segreteria
via Fiesole 15, 10151 Torino, tel. 01101139400, fax 01101139410
centrigioco@comune.torino.it


ITER è prodotto dalla Città di Torino e aggiornato dalla Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile ,
in collaborazione con il Servizio Telematico Pubblico .
Copyright 2007 Città di Torino. Supplemento a STP, aut. Trib. di Torino n. 5059 del 19.09.97, dir. resp.: Franco Carcillo.
Condizioni d'uso, privacy e cookie

crediti


torna su