vai ai contenuti vai al menu

Città di Torino - ITER

Città di Torino

ITER

Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile


MENU DI NAVIGAZIONE:

torna su


home > iniziative > la scuola adotta un monumento > monumenti adottati > circoscrizione 2

Cascina il Giajone

via Guido Reni 114

La cascina risulta essere la ristrutturazione di un precedente insediamento del ‘600, avvenuta nell’ultimo quarto del ‘700. Essa si componeva di tre ali di fabbricato, un cortile rettangolare chiuso sul quarto lato da un muro di recinzione e  parecchi terreni circostanti, il tutto destinato ad attività di allevamento del bestiame ed allo sfruttamento del suolo.
Ognuna delle due ali comprendeva un edificio abitativo a due piani, uno per i contadini fittavoli e l’altro per la presenza saltuaria dei proprietari. A queste erano annesse le stalle sovrastate da fienili e granai; il terzo lato, composto da un ampio porticato, era utilizzato per il ricovero degli attrezzi.
È ancora presente una torretta adibita a colombaia e nello scantinato “la ghiacciaia”, rara struttura interrata di 4 – 5 metri, deposito cilindrico in mattoni ove veniva pressata la neve per tenere freschi burro e formaggi.
Oggi è una bella e funzionale struttura che accoglie il Centro Civico, sede della Circoscrizione 2, con uffici, biblioteca, anagrafe, centro d’incontro, ufficio postale ed un’area attrezzata a parco-giochi per bambini.

Adottata dalla scuola primaria Gobetti

Scheda di approfondimento redatta dalla scuola

SCUOLA PRIMARIA GOBETTI
via Romita 19

SCUOLA PRIMARIA SCLARANDI
via Baltimora 171

CASCINA GIAJONE
via Guido Reni 114

a cura di Alessandra Benassa

Collocazione del monumento nel contesto storico
La cascina risulta essere la ristrutturazione di un precedente insediamento del '600, avvenuta nell'ultimo quarto del '700. Essa si componeva di tre ali di fabbricato, un cortile rettangolare chiuso sul quarto lato da un muro di recinzione e parecchi terreni circostanti, il tutto destinato ad attività di allevamento del bestiame ed allo sfruttamento del suolo.
Ognuna delle due ali comprendeva un edificio abitativo a due piani, uno per i contadini fittavoli e l'altro per la presenza saltuaria dei proprietari. A queste erano annesse le stalle sovrastate da fienili e granai; il terzo lato, composto da un ampio porticato, era utilizzato per il ricovero degli attrezzi.
È ancora presente una torretta adibita a colombaia e nello scantinato la "ghiacciaia", rara struttura interrata di 4 - 5 metri, deposito cilindrico in mattoni ove veniva pressata la neve per tenere freschi burro e formaggi.

Motivo dell'adozione
È una delle pochissime cascine di pianura ancora esistenti nel nostro quartiere.

Attuale destinazione e rapporto con l'ambiente
La cascina Giajone oggi è una bella e funzionale struttura che accoglie il Centro Civico, sede della Circoscrizione 2, con uffici biblioteca, anagrafe, centro d'incontro, ufficio postale ed un'area attrezzata a parco-giochi per bambini.

Metodo di lavoro
Visita ed osservazione della struttura con rilevazione degli elementi architettonici ed artistici.
Primi rilievi fotografici dei vari corpi dell'edificio e dello spazio geografico. Ricerche storiografiche e consultazioni presso l'archivio e la biblioteca della cascina. Foto d'epoca. Intervista agli abitanti.

Proposte per la tutela e la salvaguardia
Poter accedere, in sicurezza, alle bellissime cantine ed alla nevaia. Valorizzare l'area verde circostante la cascina, ad Est e a Sud.

Per saperne di più
Alessandra Benassa c/o scuola Gobetti - via Romita 19, Torino - telefono 011.3112989

Mezzi Pubblici: linea 62 - 71 - 17

ITER è prodotto dalla Città di Torino e aggiornato dalla Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile ,
in collaborazione con il Servizio Telematico Pubblico .
Copyright 2007 Città di Torino. Supplemento a STP, aut. Trib. di Torino n. 5059 del 19.09.97, dir. resp.: Franco Carcillo.
Condizioni d'uso, privacy e cookie

crediti


torna su