Segretario Generale

2012 07703/049

Servizio Giunta
GG
6

CITTÀ DI TORINO
DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

18 dicembre 2012

Convocata la Giunta presieduta dal Sindaco Piero Franco Rodolfo FASSINO, sono presenti, oltre al Vicesindaco Tommaso DEALESSANDRI, gli Assessori:

Maurizio BRACCIALARGHE
Ilda CURTI
Stefano GALLO
Claudio LUBATTI
Mariagrazia PELLERINO
Elide TISI

Assenti per giustificati motivi gli Assessori: Enzo LAVOLTA - Gianguido PASSONI - Mariacristina SPINOSA - Giuliana TEDESCO.

Con l’assistenza del Segretario Generale Mauro PENASSO.

OGGETTO: SCHEDE SUI TERMINI DI CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI, IN ATTUAZIONE DELL'ART. 66, COMMA 4 DEL T.U. N. 297 ADEMPIMENTI LEGGE 241/90.

Proposta del Sindaco Fassino.

Con deliberazione (mecc. 0411055/049) del 7 dicembre 2004, la Giunta Comunale, in esecuzione a quanto previsto dall’art. 66, comma 4 T.U. delle norme regolanti il procedimento amministrativo, la semplificazione, la partecipazione e la trasparenza dell’azione amministrativa, aveva approvato le schede dei procedimenti di competenza delle singole Divisioni e Servizi Centrali in cui erano riportati i termini, ove determinabili, conclusivi (intermedi e complessivi) dei singoli procedimenti.
Nel 2006 è stato avviato un processo di revisione complessiva delle schede dei procedimenti, approvate nel 2004, con i necessari aggiornamenti e modificazioni anche alla luce delle variazioni intervenute nell’organigramma aziendale, al fine della loro pubblicazione sul sito Internet della Città. In ottemperanza a quanto previsto dal Codice dell’Amministrazione digitale, D.Lgs. 7 marzo 2005 n. 82, era stato elaborato dai Sistemi Informativi, in collaborazione con il CSI Piemonte e con gli uffici della Segreteria Generale, un programma di gestione informatica dei procedimenti amministrativi, poi pubblicato nel sito web della Città a disposizione degli utenti. Tale complessivo aggiornamento era stato poi approvato con deliberazione Giunta Comunale del 31 ottobre 2006 (mecc. 0607968/049), prevedendo la necessità di revisioni annuali, a cui si è provveduto nel 2007 con deliberazione (mecc. 0710119/049) del 18 dicembre 2007, nel 2008 con deliberazione (mecc. 0809491/049) del 16 dicembre 2008, nel 2009 con deliberazione (mecc. 0909597/049) del 15 dicembre 2009, nel 2010 con deliberazione (mecc. 1008893/49) del 21 dicembre 2010 e nel 2011 con deliberazione (mecc 1108077/49) del 20 dicembre 2011.
Come in allora previsto, si è provveduto anche per il 2012 alla revisione annuale delle schede dei procedimenti, necessaria a seguito dei mutamenti organizzativi e di competenze avvenuti nell’Amministrazione Comunale.
Tutte le schede sono state quindi riviste e, ove necessario, modificate dalle Direzioni e Servizi competenti. Si è inoltre verificata, da parte degli uffici della Segreteria Generale, la permanenza della competenza sui procedimenti in capo ai vari settori, alla luce delle diverse attribuzioni derivanti dai mutamenti organizzativi delle Direzioni/Servizi.
Saranno pubblicate sul sito Internet della Città unicamente le schede relative ai procedimenti il cui termine conclusivo sia superiore ai 30 giorni, o i cui termini conclusivi non siano già previsti da norme di legge o regolamento.
Si propone pertanto di approvare, ai sensi dell’art. 66 comma 4 del T.U., l’allegato elenco composto da un indice e dalle schede relative ai singoli procedimenti con l’indicazione del profilo professionale del Responsabile del procedimento, ordinate per Vice Direzione Generale, Divisione e Servizio Centrale sulla base dell’attuale organigramma dell’Ente e numerate, per un totale di 169, di cui 8 relative ai procedimenti cosiddetti comuni, vale a dire procedimenti di carattere intersettoriale trasversali a più Servizi amministrativi/tecnici.
Va inoltre rilevato che la Legge 7 agosto 1990 n. 241, all’articolo 2, come modificato dal D.L. 9 febbraio 2012 n. 5, convertito in Legge 4 aprile 2012 n. 35 “Modifiche alla Legge 7 agosto 1990 n. 241 in materia di conclusione del procedimento e poteri sostitutivi”, ai commi 9, 9bis, 9ter, 9 quater recita rispettivamente:
a) comma 9. La mancata o tardiva emanazione del provvedimento costituisce elemento di valutazione della performance individuale, nonché di responsabilità disciplinare e amministrativo-contabile del dirigente e del funzionario inadempiente;
b) comma 9-bis. L'organo di governo individua, nell'ambito delle figure apicali dell'amministrazione, il soggetto cui attribuire il potere sostitutivo in caso di inerzia. Nell'ipotesi di omessa individuazione il potere sostitutivo si considera attribuito al dirigente generale o, in mancanza, al dirigente preposto all'ufficio o in mancanza al funzionario di più elevato livello presente nell'amministrazione;
c) comma 9-ter. Decorso inutilmente il termine per la conclusione del procedimento o quello superiore di cui al comma 7, il privato può rivolgersi al responsabile di cui al comma 9-bis perché, entro un termine pari alla metà di quello originariamente previsto, concluda il procedimento attraverso le strutture competenti o con la nomina di un commissario;
d) comma 9-quater. Il responsabile individuato ai sensi del comma 9-bis, entro il 30 gennaio di ogni anno, comunica all'organo di governo, i procedimenti, suddivisi per tipologia e strutture amministrative competenti, nei quali non è stato rispettato il termine di conclusione previsto dalla legge o dai regolamenti. Le Amministrazioni provvedono all'attuazione del presente comma, con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
Con riferimento all’individuazione del soggetto a cui attribuire il potere sostitutivo in caso di inerzia (comma 9bis) si ritiene, stante la natura complessa dell’organizzazione di codesto Ente, che esso possa essere individuato nel Direttore (CODIR) di riferimento per ogni area. In caso di inerzia imputabile al Direttore CODIR o in caso di sua vacanza, il responsabile del potere sostitutivo è il Direttore Generale.
Ai fini del monitoraggio dei termini di conclusione (comma 9quater ) , ciascun Direttore (CODIR) si farà carico di effettuare l’indagine e di trasmettere i risultati alla Segreteria Generale, entro il 15 gennaio di ogni anno, per consentire la predisposizione di un report riassuntivo da presentarsi alla Giunta nei termini di legge.
Si tenga altresì in conto che l’obbligo di monitoraggio è ribadito anche nella recente legge 190 del 6 novembre 2012 c.d. legge anticorruzione, che all’art. 1 comma 28 rende obbligatorio il monitoraggio periodico, la tempestiva eliminazione delle anomalie e la pubblicazione dei risultati sul sito web istituzionale di ciascuna amministrazione, con conseguenti oneri di trasparenza. Nell’ambito degli adempimenti legati all’entrata in vigore della legge, si dovrà prevedere comunque l’adozione di adeguate procedure di verifica.

Tutto ciò premesso,
LA GIUNTA COMUNALE
Visto che ai sensi dell’art. 48 del Testo Unico delle leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali, approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267, la Giunta compie tutti gli atti rientranti, ai sensi dell’art. 107, commi 1 e 2 del medesimo Testo Unico, nelle funzioni degli organi di governo che non siano riservati dalla Legge al Consiglio Comunale e che non ricadano nelle competenze, previste dalle leggi o dallo Statuto, del Sindaco o degli organi di decentramento;
Dato atto che i pareri di cui all’art. 49 del suddetto Testo Unico sono:
favorevole sulla regolarità tecnica;
viene dato atto che non è richiesto il parere di regolarità contabile, in quanto il presente provvedimento non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente;
Con voti unanimi, espressi in forma palese;

DELIBERA
1) di approvare l’indice dei procedimenti (all. 1 –n. ) e le schede numerate relative ai singoli procedimenti, per un totale di 169 (all. 2 – n. );
2) di individuare, per i motivi espressi in narrativa, nel Direttore (CODIR) di riferimento per ogni area, il soggetto a cui attribuire il potere sostitutivo in caso di inerzia (o il Direttore Generale in caso di inerzia del Direttore CODIR o nelle ipotesi di sua vacanza), soggetto che dovrà altresì provvedere al monitoraggio del rispetto dei termini ed alla successiva comunicazione alla Segreteria Generale;
3) di dichiarare, attesa l'urgenza, in conformità del distinto voto palese ed unanime, il presente provvedimento immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134, 4° comma, del Testo Unico approvato con D.Lgs 18 agosto 2000 n. 267.

Il Sindaco
Piero Franco Rodolfo Fassino
Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica.
Il Segretario Generale
Mauro Penasso
Verbale n. 59 firmato in originale:
IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE
Piero Franco Rodolfo Fassino Mauro Penasso
___________________________________________________________________________

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE E DI ESECUTIVITÀ

La presente deliberazione:
1° ai sensi dell’art. 124, 1° comma, del Testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli EE.LL. (Decreto Legislativo 18.8.2000 n. 267) è pubblicata all’Albo Pretorio del Comune per 15 giorni consecutivi dal 29 dicembre 2012 al 12 gennaio 2013;

2° ai sensi dell’art. 134, 3° comma, del Testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli EE.LL. (Decreto Legislativo 18.8.2000 n. 267) è esecutiva dall’8 gennaio 2013.