Sportello per l'edilizia

Comune > Casa e territorio > Sportello per l'edilizia > Procedure

Procedure edilizie - Attività di edilizia libera

Normativa di riferimento

LEGGE n. 73 del 22 maggio 2010 (G.U. n. 120 del 25/5/2010) che ha disposto (con l'art. 5 comma 1) la modifica dell'art. 6 del DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (Testo A) ( GU n. 245 del 20-10-2001 - Suppl. Ordinario n.239 ).

Attività di edilizia libera secondo le nuove disposizioni

Si configurano 3 fattispecie di “attività edilizia libera” secondo l’art. 6 del DPR n. 380/2001:

"A" . gli interventi che possono essere eseguiti senza formalità alcuna , quali gli interventi di manutenzione ordinaria e le altre opere elencate al comma 1 (lettere da b ad e );

"B". gli interventi per i quali è necessaria una comunicazione dell’inizio dei lavori da parte dell’interessato all’amministrazione comunale, ovvero le opere elencate al comma 2, (lettere da a ad e ); la comunicazione deve essere integrata dalle autorizzazioni eventualmente necessarie ai sensi delle normative di settore;

"C". gli interventi per i quali la comunicazione di cui al punto precedente deve comprendere anche i dati identificativi dell’impresa che esegue i lavori e una relazione asseverata corredata degli opportuni elaborati progettuali (disegni) e provvista di data certa, a firma di  tecnico abilitato, ovvero gli interventi di manutenzione straordinaria - comma 2 lettera a), che non possono però riguardare le parti strutturali dell’edificio, non devono comportare aumento del numero delle unità immobiliari e non devono implicare incremento dei parametri urbanistici.

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria : “Le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnici esistenti, purché non comportino la realizzazione di nuovi locali né modifiche alle strutture o all'organismo edilizio”.

Sono inclusi nella manutenzione ordinaria:

Manutenzione straordinaria

Manutenzione straordinaria : “Le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare o integrare i servizi igienico-sanitari e gli impianti tecnici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d'uso”.


Attività edilizia libera come definita dalla fattispecie lettera “B”


INTERVENTI


nel RISPETTO di:













 


Attività edilizia libera come definita dalla fattispecie lettera “C”


INTERVENTI


nel RISPETTO di:





















NB : qualora sia necessaria DEROGA all’applicazione dell’art. 31 del regolamento edilizio occorre presentare D.I.A.



 

Note informative

Interventi NON riconducibili ad attività di edilizia libera

Il seguente prospetto richiama alcuni interventi che NON SONO RICONDUCIBILI ad attività edilizia libera, a seguito di richieste di chiarimenti formulate.


Pro-memoria attività edilizia NON LIBERA per la quale occorre presentare D.I.A. / S.C.I.A.


INTERVENTI


Opere non soggette in quanto:















 

 



Torna indietro Condizioni d'uso, privacy e cookie Stampa questa pagina