Servizio Centrale Risorse Umane 99 07748/04
/AA - pc
T

CITTA' DI TORINO

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

7 settembre 1999

OGGETTO: REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E ORDINAMENTO DELLA DIRIGENZA. MODIFICAZIONI. PROVVEDIMENTI.

    Proposta dell'Assessore Peveraro.

    Esigenze organizzative e di migliore funzionalità degli uffici impongono la necessità, nell'attesa d'una incisiva riforma del regolamento di cui trattasi, la quale potrà attuarsi solamente a seguito dell'entrata in vigore del nuovo C.C.N.L. per l'area della dirigenza, di addivenire ad alcune limitate e circoscritte variazioni di competenza all'interno delle Divisioni per effetto dello spostamento di Settori.
    Si propongono pertanto le sottoelencate variazioni all'assetto previsto dall'art. 7 del Regolamento in discorso.
- La Divisione Economia e Sviluppo acquisisce le competenze in ordine alla Polizia Amministrativa - Sanità - Contenzioso per la violazione dei regolamenti comunali, dismesse dalla Divisione Servizi Civici e Tributari, nonché quelle relative alla gestione e coordinamento delle politiche del tempo libero dismesse dai Servizi Educativi.
- La Divisione Servizi Culturali acquisisce le competenze in ordine alla Programmazione, coordinamento e controllo di servizi e progetti per la gioventù e alla Gestione delle relative funzioni non attribuite alle Circoscrizioni, dismesse dalla Divisione Servizi Educativi.
    Tutto ciò premesso,

LA GIUNTA COMUNALE

    Visto che ai sensi dell'art. 35 della Legge 8 giugno 1990 n. 142 e sue successive modificazioni e integrazioni la Giunta compie tutti gli atti di amministrazione che non siano riservati dalla legge al Consiglio Comunale o che non rientrino nella competenza di altri organi o del Segretario Generale o dei funzionari dirigenti;



99 07748/04 2

    Dato atto che i pareri di cui all'art. 53 della Legge 8 giugno 1990 n. 142 e sue successive modificazioni, sono:
favorevole sulla regolarità tecnica dell'atto;
favorevole sulla regolarità contabile;
    Viste le disposizioni legislative sopra richiamate;
    Con voti unanimi, espressi in forma palese;

DELIBERA

1)    di modificare l'assetto previsto dall'art. 7 del vigente regolamento di organizzazione, che assume pertanto, in relazione alle Divisioni di cui trattasi la seguente partizione:
    ECONOMIA E SVILUPPO:
                Gestione di attività e servizi finalizzati alla promozione della Città, allo sviluppo strategico delle attività produttive, commerciali e dell'occupazione. Polizia amministrativa.
                Contenzioso per la violazione di regolamenti comunali.
                Relazioni internazionali e programmi dell'Unione Europea.
                Gestione e coordinamento delle politiche dello sport e del tempo libero. Gestione dei mercati. Coordinamento, programmazione dell'attività e verifica del raggiungimento degli obiettivi del Settore Tecnico di riferimento.
    SERVIZI CIVICI E TRIBUTARI:
                Servizi delegati dallo Stato ed attività di natura autorizzatoria.
                Gestione delle attività afferenti il coordinamento dei tempi ed                 orari degli uffici pubblici e le politiche di genere.
                Esercizio dell'imposizione locale e collaborazione con l'imposizione statale.
    SERVIZI CULTURALI:
                Definizione e gestione delle strategie di politica culturale della Città. Servizi finalizzati alla promozione della cultura, dei musei, biblioteca centrale, iniziative culturali, manifestazioni artistiche.
                Teatri, Istituzioni e fondazioni.
                Programmazione, coordinamento e controllo di servizi e progetti per la gioventù.
                Gestione delle relative funzioni non attribuite alle Circoscrizioni.
                Coordinamento, programmazione dell'attività e verifica del                  raggiungimento degli obiettivi del Settore Tecnico di riferimento.



99 07748/04 3

    SERVIZI EDUCATIVI:
                Gestione attività educative e culturali e servizi diretti o indiretti finalizzati allo sviluppo e all'aggiornamento delle capacità di apprendimento e relazionali nella prima infanzia.
                Gestione servizi di competenza per la scuola dell'obbligo e promozione iniziative ed attività educative rivolte al mondo della scuola, al tempo libero di bambini ed adolescenti, alle famiglie con minori.
                Coordinamento, programmazione dell'attività e verifica del raggiungimento degli obiettivi del Settore Tecnico di riferimento.
    Il presente provvedimento non comporta onere di spesa;
2)    di dichiarare, attesa l'urgenza, in conformità del distinto voto palese ed unanime, il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 47, 3°comma, della Legge 8 giugno 1990 n. 142.
______________________________________________________________________________