Servizio Centrale Affari Istituzionali 99 02490/02
SS

C I T T A' D I TORINO

PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO “ Cessazione dei bombardamenti e ripresa delle trattative nel Kossovo. ” presentata dai Consiglieri Comunali Viale e Nigro in data 29 marzo 1999.

    Il Consiglio Comunale di Torino,

Constatata
la grave situazione che esiste da oltre un anno nella regione balcanica del Kossovo, dove le popolazioni di origine albanese sono state oggetto da parte delle forze militari serbe di massacri e genocidi;
Constatato altresì che la Comunità internazionale e in particolare l'Europa non sono riusciti a far cessare i massacri e a promuovere iniziative diplomatiche, capaci di risolvere il problema e di tutelare le popolazioni inermi;
Appreso della iniziativa della NATO di procedere nei giorni scorsi a dei massicci bombardamenti nella Federazione Jugoslava, i quali sono ancora in corso in queste ore;
Considerato che i massacri nei confronti dei cittadini albanesi del Kossovo sono stati intensificati e che l'azione NATO non pare in grado di tutelare pienamente queste popolazioni e che anzi la stessa azione militare crea una spirale ingovernabile di violenza e una destabilizzazione di tutta l'area balcanica;
Considerato ancora che centinaia di migliaia di profughi si stanno ammassando sulle frontiere dell'area;

Tutto ciò premesso,

visto che lo Stato italiano ha nei propri principi il ripudio della guerra come forma di soluzione delle controversie,

CHIEDE

al Governo italiano di adoperarsi per la cessazione dei bombardamenti e per una ripresa delle trattative, che pongano come presupposto la tutela fisica dei cittadini di origine albanese nel Kossovo e la soddisfazione delle aspirazioni di autonomia.
Si adopera per far fronte alle necessità di accoglimento dei profughi di guerra, auspicando sempre che le relazioni internazionali siano improntate alla pace e alla tolleranza dei diritti e di tutti i popoli e di tutti gli uomini.

                                    F.to    Silvio Viale
                                        Giovanni Nigro