CittAgorà
Periodico del Consiglio Comunale di Torino



Commemorati in sala Rossa cinque Consiglieri democristiani

30-10-2012

Il Consiglio comunale ha ricordato alcuni suoi ex componenti, scomparsi negli ultimi anni: Roberto Manni, Michele Revelli, Ciro Albanese e Augusto Dotti, esponenti della Democrazia Cristiana, e Renato Bressan, consigliere prima per la DC e successivamente per Forza Italia.
In periodi diversi, i cinque sono stati presenti sui banchi consiliari in un arco temporale che va dal 1960 sino al 2001.

In sala Rossa
Nel suo intervento di saluto, il presidente del Consiglio comunale Giovanni Maria Ferraris ha ricordato come i principi che hanno caratterizzato la loro attività pubblica “siano stati quelli propri della Dottrina Sociale, la capacità di riconoscere il primato della persona, il senso della solidarietà, la sussidiarietà che aveva il dovere di contraddistinguere i rapporti tra lo Stato e la società civile, simbolo di una vera democrazia partecipata e libera, e naturalmente l’attenzione al bene comune servendo la società nelle istituzioni”. Il presidente ha anche rievocato il lungo cammino della DC nella trasformazione della società italiana, “un cammino che, anche a causa di uno scandalismo spesso indiscriminato, si interrompe al termine della Prima Repubblica causando la diaspora delle diverse forze che componevano il partito. Molti esponenti della vecchia DC, continuano ad impegnarsi in campo politico sotto nuovi simboli”.

Ferraris
Il presidente dell’Associazione ex consiglieri, Dante Notaristefano, ha poi ripercorso le tappe principali dei percorsi politici dei cinque commemorati, “al servizio della città con senso del dovere, saggezza e lealtà”, nel quadro di una DC “capace di confrontarsi coi cambiamenti della società restando al tempo stesso una garanzia di stabilità del sistema democratico” .
Mario Berardi, ex presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, si è soffermato sulla figura di Michele Revelli, approdato in Sala Rossa nel 1970 provenendo dal sindacato metalmeccanici della Cisl, “attento a ogni vertenza di allora: Gazzetta del popolo, Venchi Unica, Maggiora, e convinto sostenitore della collaborazione tra cattolici democratici e socialisti, nell’interesse dei lavoratori” .
Ciro Albanese, consigliere dal 1970 al 1985, è stato invece ricordato da Andrea Galasso, che ne ha rievocato ”l’attenzione e l’umiltà come la quale metteva la sua professionalità di medico al servizio della città”, sempre sensibile ai problemi emergenti dell’epoca.
Renato Bressan, scomparso a soli 56 anni, è stato al centro dell’intervento di Piero Aceto, che ne ha sottolineato “la generosità, la competenza e l’attenzione profuse sui temi dell’urbanistica e dei trasporti, da ingegnere qual era”.

Berardi
Concludendo la serie degli interventi, il sindaco Piero Fassino ha voluto sottolineare come si trattasse di “ persone che hanno voluto mettere le proprie competenze al servizio della loro città. In tempi nei quali la politica offre ai cittadini spesso un volto sgradevole, suscitando scoramento e indignazione nell’opinione pubblica, è giusto ricordare come esista una politica fatta di dedizione, passione, ideali, priva di interessi personali e al servizio del bene comune. A questa politica – ha proseguito Fassino – hanno prestato le loro energie migliaia di donne e uomini di ogni forza politica” . E il sindaco ha quindi rievocato la Democrazia Cristiana come “un partito che ha segnato di sé la storia del Paese per decenni, rivestendo un ruolo centrale nelle vicende che hanno portato l’Italia a diventare un grande Paese”, e che “ha dato a Torino alcuni grandi sindaci.” In conclusione, il primo cittadino ha ribadito l’importanza della memoria come stimolo ed esempio per l’impegno di oggi.

Nelle foto: Pubblico in Sala Rossa; il presidente Ferraris apre la cerimonia; L’intervento di Mario Berardi .

C.R.

Servizi



Torna alla ricerca


Torna all'inzio della pagina
Direttore responsabile Franco Carcillo
periodico telematico non soggetto a registrazione presso il Tribunale (ex art. 3-bis D.L. 18/5/2012 n. 63)
Condizioni d'uso, privacy e cookie