Assistenza e Sanità

Assegno di Maternità


2.1 CHI PUÒ FARE LA RICHIESTA


L'assegno di maternità può essere richiesto dalla madre del bimbo (o dal tutore della madre solo se quest'ultima è interdetta) e, in casi particolari, da altri soggetti. La richiedente per beneficiare dell'assegno deve avere il bambino nella propria scheda anagrafica e convivere effettivamente con lui e deve essere residente nel territorio dello Stato al momento della nascita del figlio o al momento dell'ingresso nella propria famiglia anagrafica di un minore ricevuto in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento. Tuttavia, in caso di affidamento preadottivo, qualora il minore non possa essere iscritto nella medesima scheda anagrafica dell'affidataria a causa di particolari misure di tutela stabilite nei suoi confronti dall'autorità competente, all'ingresso del minore nella famiglia anagrafica della persona che lo riceve in affidamento preadottivo è equiparato l'inizio della coabitazione del minore con l'affidataria.
Possono richiedere l'assegno anche le madri di: L'art. 11 del Decreto n. 452/00 e s.m.i. dispone che l'assegno, in casi particolari, può essere richiesto anche da:
L'assegno è concesso se il calcolo della situazione economica lo consente e se la madre, l'affidataria preadottiva o l'adottante senza affidamento non ha fruito dell'indennità di maternità o ne ha fruito in misura ridotta rispetto all'importo dell'assegno. In quest'ultimo caso, le lavoratrici interessate possono avanzare richiesta per la concessione della quota differenziale. Ai fini del calcolo si deve considerare sia l'importo dell'indennità di maternità percepita sia quello dell'indennità spettante anche se non ancora percepita. Nei casi particolari previsti dalla legge, quando l'assegno è richiesto dai soggetti sopra indicati, si considera l'importo dell'indennità spettante o percepita dalla donna. Per i nati nell'anno 2016, l'importo dell'indennità non deve superare € 338,89 mensili (cioè non deve essere superiore a € 1.694,45).
L'assegno di maternità concesso dal Comune non è cumulabile con quello concesso dall'INPS ai sensi dell'art. 49, comma 8, della Legge n. 488/99. Quest'ultimo tipo di assegno è riservato alle donne che vantano il versamento all'INPS di contributi per maternità, per aver svolto almeno 3 mesi di attività lavorativa in un periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi prima del parto o dell'ingresso del minore nella famiglia anagrafica della donna affidataria preadottiva o adottante senza affidamento.
In caso di parto gemellare o plurigemellare, le madri devono dichiarare la nascita di tutti i neonati, poiché possono usufruire di un importo dell'assegno proporzionale al numero dei nati (ad esempio fino a € 3.388,90 per due figli nati nel 2016 e fino a € 5.083,35 per tre figli nati nello stesso anno).
NON possono presentare la richiesta:

2.2 CITTADINANZA


L'assegno può essere richiesto dalle madri residenti a Torino cittadine italiane, comunitarie o se extra-comunitarie, deve essere in possesso di: La richiedente non deve beneficiare di alcuna forma di tutela economica della maternità, oppure ne può beneficiare in misura inferiore al valore dell'assegno.
Se l'assegno è richiesto dalle cittadine extracomunitarie, anche il minore, se non è nato in Italia o non è cittadino di uno stato dell'Unione Europea, deve essere in possesso della Carta di soggiorno, ossia deve essere iscritto sulla carta di soggiorno di uno dei genitori.
I suddetti requisiti si applicano anche agli altri soggetti richiedenti l'assegno nei casi particolari previsti dalla legge (vedi il punto 2.1).

2.3 IL NUCLEO FAMILIARE


Il nucleo familiare rilevante per il calcolo dell'ISEE è composto dal richiedente, dal coniuge e dagli altri soggetti componenti la famiglia anagrafica, nonché dai soggetti a carico ai fini IRPEF.
La composizione della famiglia deve essere dichiarata per due finalità:
  1. per la valutazione della situazione economica . Si dichiarano i redditi ed i patrimoni posseduti da tutti i componenti il nucleo familiare:
    1. tutti coloro che sono iscritti nella scheda anagrafica della richiedente, compreso il neonato o gli eventuali gemelli nati da parto gemellare;
    2. le eventuali altre persone che non sono presenti nella scheda anagrafica della richiedente, ma che sono a carico di qualcuna delle persone di cui al punto a) ai fini del pagamento dell'IRPEF;
    3. il coniuge non legalmente separato, ossia separato “di fatto”, anche se non iscritto nella stessa scheda anagrafica della richiedente.
      Costituiscono eccezione a tale regola (e quindi i coniugi separati “di fatto” non devono essere dichiarati dal coniuge richiedente) le seguenti situazioni:
      • quando la diversa residenza è consentita in seguito a provvedimento temporaneo ed urgente dell'Autorità Giudiziaria (provvedimento in pendenza di procedimento di separazione);
      • quando il coniuge è stato escluso dalla potestà sui figli o è stato adottato un provvedimento di allontanamento dalla residenza familiare;
      • quando sussiste abbandono del coniuge accertato in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali;
      • quando è stata proposta separazione in seguito alla condanna passata in giudicato del coniuge per reati di particolare gravità
  2. perché per ottenere l'assegno occorrono queste presenze nella famiglia: :
    1. le richiedenti devono essere residenti nel Comune di Torino al momento in cui presentano la richiesta;
    2. il figlio deve essere residente in Torino ed iscritto nella stessa scheda anagrafica della richiedente (cioè comparire nello stesso stato di famiglia) per tutto il periodo dell'erogazione dell'assegno.
    Gli altri componenti del nucleo familiare possono anche non essere residenti in Torino e non essere iscritti nella medesima scheda anagrafica della richiedente (cioè non comparire nello stesso stato di famiglia).
    Nuclei familiari che convivono nella stessa abitazione, ma i cui componenti sono iscritti in schede anagrafiche diverse, si considerano in modo distinto ai fini della valutazione della situazione economica e del calcolo degli assegni, se in ciascuno di questi nuclei vi sono dei neonati.

2.4 REDDITI E PATRIMONI DA DICHIARARE


I redditi ed i patrimoni che devono essere dichiarati sono quelli di tutti i componenti del nucleo familiare che al momento in cui si presenta la domanda:
  1. sono iscritti nella stessa scheda anagrafica della richiedente;
  2. non sono presenti nella scheda anagrafica della richiedente, ma sono a carico di qualcuna delle persone di cui al punto a) ai fini del pagamento dell'IRPEF;
  3. più il coniuge non legalmente separato, ossia separato “di fatto”, anche se non iscritto nella stessa scheda anagrafica della richiedente.
Deve essere dichiarato: Al richiedente è consentito dichiarare l'assenza di reddito di un qualsiasi componente del nucleo familiare, quando questi nell'anno solare precedente alla dichiarazione sostitutiva non abbia percepito alcun reddito.

2.5 DECORRENZA E CESSAZIONE DEL DIRITTO ALL'ASSEGNO


Se il calcolo della situazione economica lo consente ed il neonato permane iscritto nella scheda anagrafica della richiedente, il diritto all'assegno decorre dalla data del parto, dell'affidamento preadottivo o dell'adozione senza affidamento e può durare per un periodo massimo di cinque mesi. Il diritto cessa soltanto qualora il neonato venga iscritto in una scheda anagrafica diversa da quella della richiedente; in questo caso, il diritto all'assegno cessa dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare tale requisito.

2.6 CALCOLO DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL NUCLEO FAMILIARE


Nel calcolo della situazione economica i redditi ed i patrimoni dichiarati vengono messi in relazione con il numero dei componenti il nucleo familiare, mediante una “scala di equivalenza”. Si definisce così il valore dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) del nucleo.

2.7 DIRITTO ALL'ASSEGNO


Per ottenere l'assegno di maternità è necessario che il nucleo familiare della richiedente disponga di risorse economiche non superiori ad un valore dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) che, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenute nell'anno 2016, è di € 16.954,95 annui.

2.8 IMPORTO DELL'ASSEGNO

L'assegno può essere erogato:

2.9 QUANDO PRESENTARE LA RICHIESTA


Le richiedenti devono presentare le domande nel Comune dove sono residenti al momento della richiesta:

2.10 VARIAZIONI DELLA SITUAZIONE FAMILIARE AVVENUTE DOPO LA RICHIESTA


Se durante il periodo per il quale è richiesto l'assegno intervengono variazioni della situazione familiare e della dichiarazione relativa, valgono le seguenti regole:
  1. se varia soltanto la situazione economica (la somma dei redditi e dei patrimoni posseduti) l'assegno viene comunque attribuito per l'intero periodo. Pertanto, non hanno alcuna rilevanza le variazioni dei redditi e dei patrimoni intervenute dopo la richiesta. La stessa regola vale per variazioni dei componenti la famiglia diversi dalla richiedente e dal neonato. Tali variazioni dovranno essere considerate solo in un'eventuale successiva richiesta, per un nuovo figlio;
  2. se invece varia la composizione del nucleo familiare che dà diritto all'assegno, ossia se nella scheda anagrafica della richiedente viene meno la presenza del bambino, la concessione dell'assegno viene limitata al solo periodo in cui il bambino era presente.
    Nell'eventualità in cui la richiedente ed il minore spostino la propria residenza anagrafica presso un altro Comune:
    1. dopo avere presentato la richiesta, ma prima che questa sia stata approvata: il Comune di Torino non sospenderà l'assegno, ma trasmetterà i relativi atti al Comune dove la famiglia è emigrata;
    2. dopo la concessione dell'assegno da parte del Comune: il pagamento avrà luogo ed il Comune di Torino trasmetterà i relativi atti al Comune presso il quale la richiedente ed il minore sono emigrati. Pertanto, la richiedente deve comunicare al Comune (tramite i Centri di Assistenza Fiscale, con i modi descritti al punto 5 di questo testo), le variazioni della composizione anagrafica della sua famiglia.
    3. la dichiarante è tenuta a comunicare tempestivamente per iscritto al Comune di Torino presso l'Ufficio Assegni Statali alle Famiglie, ogni variazione del proprio indirizzo. Il Comune di Torino si ritiene esonerato da ogni responsabilità in caso di irreperibilità del destinatario

2.11 PAGAMENTO DELL'ASSEGNO


Il Comune, dopo avere controllato la sussistenza di tutti i requisiti, concede o nega l'assegno con un proprio provvedimento, e lo comunica a chi ha presentato la richiesta. In caso di concessione, trasmette all'INPS i dati necessari per il pagamento. L'INPS paga mediante la modalità indicata nella richiesta.
"Si precisa che ai sensi del D. Lgs. 196/2003 il Comune di Torino è tenuto a fornire informazioni sull'iter della pratica esclusivamente al/la richiedente o a persona da lei/lui espressamente delegata. In tal caso il/la delegato/a dovrà presentare al centro di assistenza fiscale fotocopia sia del proprio documento d'identità, che di quello della delegante."
Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina
Dimensione Caratteri
Caratteri piccoli .
Caratteri grandi .
Temi
Classico .
Alta Visibilità .
Blu .
Verde .
Arancio .