Il Bilancio Sociale 2004


Sei qui: Comune > Il Comune > Il Bilancio Sociale 2004



Introduzione del Sindaco Sergio Chiamparino e dell'Assessore al bilancio Paolo Peveraro

Un anno fa la Città di Torino pubblicava il suo primo Bilancio Sociale.
Si è trattato di un’esperienza entusiasmante sotto molteplici punti di vista: il documento finale, scaturito dall’impegno congiunto di tutta la struttura organizzativa e dalla collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Torino, Ivrea e Pinerolo e con l’Università di Torino, facoltà di Economia - Dipartimento di Economia Aziendale, ha consentito di raggiungere i principali traguardi che ci eravamo prefissi primo fra tutti quello di offrire un documento chiaro e comprensibile che consentisse ai cittadini di verificare le scelte attuate dall’Amministrazione, il conseguente impiego delle risorse e la loro destinazione, nonché di illustrare i principali obiettivi raggiunti.
A testimonianza della qualità del lavoro svolto, al Bilancio Sociale 2003 è stato attribuito il premio Oscar di categoria da parte della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana con le seguenti motivazioni:
" Il bilancio riporta una esposizione puntuale e formalmente ineccepibile dei programmi di attività e dei dati finanziari. L’informativa di bilancio rivolta ai cittadini è articolata capillare e approfondita. La comunicazione è molto trasparente e particolare attenzione è stata dedicata agli obiettivi raggiunti e da raggiungere. Il Bilancio Sociale è completo, di facile comprensione ed accattivante dal punto di vista grafico. Oltre alla diffusione cartacea del documento si è provveduto a dare informazione della sua disponibilità integrale sul sito internet del Comune e all’avvio per mailing list. Molto importante la preparazione sinergica del documento che ha coinvolto il mondo accademico e l’ordine professionale competente".
Dopo la pubblicazione del Bilancio Sociale 2003 il percorso di dialogo e di partecipazione con i cittadini è proseguito attraverso il web: all’indirizzo di posta elettronica bilanciosociale@comune.torino.it sono pervenute numerose richieste di approfondimento a testimonianza dell’interesse suscitato.

Tutto ciò rappresenta oggi un’ulteriore stimolo per proseguire il cammino lungo la strada intrapresa e presentare il Bilancio Sociale 2004 caratterizzato da alcune conferme e da una sostanziale novità: innanzitutto la struttura rimane invariata e si articola nelle tre sezioni principali: l’identità dell’ente, che illustra le caratteristiche peculiari del Comune, i suoi valori e le sue scelte strategiche, una sintesi dei dati finanziari ai quali si aggiunge il calcolo e l’analisi della distribuzione del valore aggiunto, infine la relazione sociale che, attraverso la descrizione qualitativa e quantitativa dei risultati, consente di comprendere fino a che punto gli impegni assunti sono stati mantenuti.
Anche nel Bilancio Sociale 2004 alcune parti sono state messe in evidenza utilizzando i simboli internazionali che indicano donne e uomini con l’obiettivo di continuare a segnalare le prime analisi di genere ovverosia il diverso contributo che le politiche messe in atto possono dare se interpretate secondo il genere.

E ora la novità: il Bilancio Sociale 2004 viene pubblicato direttamente sul sito web della Città. Si tratta di una scelta precisa che punta da un lato su un pieno utilizzo di una tecnologia, il web appunto, che i cittadini dimostrano di apprezzare sempre di più e sulla quale la Città di Torino ha investito fin dagli esordi; dall’altro su una politica di comunicazione caratterizzata dalla piena trasparenza, ma anche dal rigore e dal contenimento delle spese. Il Bilancio Sociale è ormai una realtà: anche quest’anno verrà messo a disposizione di tutti senza tuttavia moltiplicare i costi anche in vista di quella fondamentale tappa, prima conclusione di un ciclo, che nel 2006 sarà rappresentata dal Bilancio di Mandato. Toccherà a quest’ultimo documento illustrare i risultati complessivi raggiunti nell’arco del quinquennio 2001-2005.

Firme del Sindaco Sergio  Chiamparino - e dell'Assessore al Bilancio  Paolo Peveraro