il Bicicletterario – Parole in Bicicletta

Tutto è definito, tutto è ormai pronto: prende il via la quarta edizione de Il Bicicletterario – Parole in Bicicletta, l’unico Premio letterario al mondo dedicato alla bicicletta in tutti i suoi aspetti, organizzata da Co.S.Mo.S. (Comitato Spontaneo Mobilità Sostenibile). Un’edizione importante, che segna il superamento della fase più difficile, il traguardo della terza edizione. Tanto più che l’iniziativa ha registrato una continua crescita, raggiungendo ogni angolo d’Italia e superando i confini del Bel Paese più volte. 232, 415, 427: gli autori che hanno partecipato di volta in volta dalla prima – e già fortunata – edizione. L’auspicio è che la tendenza si confermi, che tantissimi altri autori, debuttanti o affermati, si aggiungano al colorato popolo delle due ruote letterarie.

La formula del Premio resta la stessa, a grandi linee, ma ci sono delle belle novità. Innanzitutto, la partecipazione – come sempre – è totalmente gratuita e aperta a tutti. Per le sezioni, si riconfermano quelle della passata edizione, e cioè: poesie/adulti, racconti/adulti, miniracconti/adulti, poesie/ragazzi, racconti/ragazzi, poesie/bambini e racconti/bambini; a queste si aggiunge una nuova sezione, generale, senza distinzione di età: quella degli aforismi sulla bicicletta, sviluppati in una manciata di caratteri, un’unica frase o anche due/tre concatenate a formare un periodo di senso compiuto, che siano originali e inediti, come ogni opera ammessa a partecipare. Dalla parola ‘aforismi’ in poi, qui ad esempio, si contano 220 caratteri. Ed è proprio questo il limite tassativo da rispettare per dipingere un’impressione che sia palesemente legata alla bicicletta. Questa particolare sezione de Il Bicicletterario ha un suo nome, VelòScriptum: a voi la libera interpretazione. Le frasi originali più belle potrebbero diventare le didascalie di magnifiche cartoline o altro tipo di gadget realizzati in collaborazione tra Il Bicicletterario e il Napoli Bike Festival per promuovere la mobilità sostenibile e l’uso quotidiano della bici.

Si riconferma il premio speciale Parthenobike, sempre in partnership con il Napoli Bike Festival, per tutte le opere che avranno riferimenti sociali, culturali, geografici al capoluogo campano e ai suoi dintorni, le quali in ogni caso parteciperanno alle selezioni per i premi ‘istituzionali’ contenuti nel bando: una doppia possibilità, quindi.

Discorso del tutto simile per il premio speciale L’Eroica, dedicato agli elaborati ispirati al mondo delle ciclostoriche e del ciclismo d’epoca: saranno anch’esse oggetto di doppia valutazione, grazie al sostegno dell’organizzazione della celeberrima manifestazione.